Fosca Rovelli 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE EXTRAFID ART ​ Via Canova 9 Lugano 6900

Lugano - dall'otto settembre al 6 novembre 2015

Fosca Rovelli

Fosca Rovelli
Bagliori, pigmenti, olio, foglia d'oro 22 carati
 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE EXTRAFID ART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Canova 9 (6900)
+41 0919119011 , +41 0919119017 (fax), +41 0796422517
info@extrafid.ch
www.extrafid.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La ceramista affianca alla sua attività professionale una ricerca artistica libera che spazia tra diverse discipline: dalla pittura alla scultura e più precisamente alla ceramica. Ama riproporre in chiave moderna, tecniche ormai dimenticate come l'affresco, la doratura e l'encausto.
orario: da lunedì a venerdì ore 9-12 e 14-17
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 settembre 2015.
curatori: Fabrizio Ballabio
autori: Fosca Rovelli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Fosca Rovelli

Da martedì 8 settembre la Fondazione Extrafid ART, nella sua elegante e raffinata Galleria d’Arte in via Canova 9, primo piano, presenta una mostra personale di Fosca Rovelli. Continua in questo modo un programma culturale che, sul piano espositivo, va da oltre dieci anni presentando una serie di esponenti del mondo artistico ticinese.
Per l’occasione è stato stampato un prospetto nel quale l’artista viene presentata sul piano critico, biografico e con l’immagine di alcune opere della sua produzione più recente.

Orari d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00

Mostra a cura di Fabrizio Ballabio e Marino Gabusi.

Ingresso libero.


Nota biografica


Diplomata in conservazione e restauro di stucchi e affreschi, Fosca Rovelli affianca alla sua attività professionale una ricerca artistica libera che spazia tra diverse discipline: dalla pittura alla scultura e più precisamente alla ceramica (Raku, Pit Firing, Saggar Firig, ecc.).

Ama approfondire e riscoprire in via del tutto sperimentale, le tematiche legate alle tecniche pittoriche tramandate negli antichi ricettari (Cennino Cennini, Vasari, De Chirico, ecc.) che la portano a riproporre, in chiave moderna, tecniche ormai dimenticate come l’affresco, la doratura e l’encausto.



Nel suo atelier situato a Lelgio in Capriasca, oltre a tenere corsi per adulti e bambini, da libero sfogo alla sua creatività attraverso il mutare della materia generatrice, ossia la terra nelle sue svariate forme (pigmenti, argilla, polvere di marmo, ecc.). Come in un laboratorio alchemico, i quattro elementi Terra, Aria, Acqua e Fuoco si rinnovano e si trasformano dando origine alle opere pittoriche e ceramiche dell’artista.
Sito personale: www.foscarovelli.ch

Estratto di un suo testo critico:

”… la perizia tecnica e la forte carica simbolica: due caratteristiche che definiscono i poli entro cui si snoda la ricerca espressiva di Rovelli, tesa nello sforzo di rendere attuali le nozioni pratiche tramandate dalla tradizione e, allo stesso tempo, spalancare davanti allo sguardo dello spettatore una finestra sull'interiorità e sui significati più profondi dell'esistenza.
L'armonia compositiva, la ricercatezza dei dettagli e la piacevolezza estetica sembrano essere le note dominanti di uno spartito giocato sull'alternanza di ampie pause e forti contrappunti. Nelle opere bidimensionali come nelle sculture, il segno e la materia si incontrano e si fronteggiano, si osservano a distanza e si distendono, seguendo un moto ritmico e incessante che invita chi osserva a ricostruire con la fantasia la lenta e paziente costruzione dell'opera, originata da luminose e sapienti velature, sedimentazioni e increspature di materia pittorica. I dettagli emergono da uno spazio sospeso dove la distanza e il vuoto sono la misura tra le cose, in una nuova percezione di noi stessi in relazione a ciò che ci circonda. Il vuoto, distinto da nulla, è il campo in cui il minimo e il particolare assumono il massimo di senso e di valore sulla transitorietà dell'esistente.”
Testo critico a cura di Emanuela Rindi (Rindi Art).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram