Black, an idea of light 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CORTESI GALLERY ​ Via Nassa 62 Lugano 6900

Lugano - dal 7 ottobre al 7 dicembre 2015

Black, an idea of light

Black, an idea of light
Black Energy, petit granit nero e alluminio, 2015 fotografia di Claudio Ciaccio
 [Vedi la foto originale]
CORTESI GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nassa 62 (6900)
+41 91 921 40 00
info@cortesigallery.com
www.cortesigallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Affascinante percorso che, attraverso una ventina di opere realizzate da artisti appartenenti a generazioni diverse, dal secondo dopoguerra ad oggi, indaga sulle motivazioni della scelta del nero quale luogo aurorale dell’atto creativo, principio cognitivo di rinnovamento dell’atto pittorico e scultoreo
orario: lunedì – venerdì: 10:00-18:00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 7 ottobre 2015. ore 17.30
catalogo: edito da Mousse
curatori: Ilaria Bignotti, Paola Formenti Tavazzani
autori: Vincenzo Agnetti, Agostino Bonalumi, Gianni Colombo, Maurizio Donzelli, Arthur Duff, Alberto Gianfreda, Tamas Jovanovics, Walter Leblanc, Jason Martin, Marcello Morandini, François Morellet, Klaus Mühlhäuser, Francesca Pasquali, Otto Piene, Paolo Scheggi, Ned Vena
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Cortesi Gallery è lieta di annunciare Black. An Idea of Light, un affascinante percorso che, attraverso una ventina di opere realizzate da artisti appartenenti a generazioni diverse, dal secondo dopoguerra ad oggi, indaga sulle motivazioni della scelta del nero quale luogo aurorale dell’atto creativo, principio cognitivo di rinnovamento dell’atto pittorico e scultoreo.
Scrive Ilaria Bignotti: “Sul monocromo molto si è scritto anche in tempi recenti, cercando ora di ricomporre e tracciare alberi genealogici tra avanguardie d’inizio secolo e spazialismo, ora di narrare e distinguerne le varie tipologie, destreggiandosi nelle letture tra bruciature e affumicamenti, ardite sperimentazioni cinetiche virtuali o meccaniche, cancellazioni e negazioni della parola e del segno, gesti sovradimensionati e atti minimi”. Ma è il bianco spesso a dominare questo tipo di indagini. E il nero?
Nero non come negazione e cancellazione, ma come emersione di un diverso vedere e creare, attivatore di luce, di colore, di forma che ancora non sono, ma nel nero sono latenti.
Nero che è, per Paolo Scheggi, Agostino Bonalumi, Gianni Colombo, Marcello Morandini, costruttore di spazio, evocatore di sensazioni.
Nero che si addensa, si rarefà, si impone e si accenna nelle opere di François Morellet, Arthur Duff.
Nero a spatolate di Jason Martin, nero di bruciature, nero goccia a goccia, grumi di materia nera, oggetti e forme nel nero riemersi per Otto Piene, Alberto Gianfreda, Francesca Pasquali; nero luminoso, quasi accecante, lampante come la parola nell’opera di Vincenzo Agnetti, nero mutevole nei potenziali colori, nelle opere di Walter Leblanc, Maurizio Donzelli, Tamas Jovanovics.
Black. An Idea of Light offre un’inedita indagine sulle valenze estetiche del nero, per “far luce” su ciò che le opere moderne hanno ancora da dire agli occhi del pubblico, attraverso il confronto con quelle attuali. Una chiave per scoprire inaspettati valori e messaggi sia in opere saldamente storicizzate, che nei lavori di artisti contemporanei.
La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Mousse.
Artisti:
Vincenzo Agnetti (Milano 1926 – 1981); Agostino Bonalumi (Vimercate 1935 – Milano 2013); Gianni Colombo (Milano 1937 – 1993); Maurizio Donzelli (Brescia 1958); Arthur Duff (Wiesbaden, Germania) 1973); Alberto Gianfreda (Desio, 1981); Tamas Jovanovics (Budapest, Ungheria 1974); Walter Leblanc (Antwerp, Belgio 1932 – Silly, Belgio 1986), Jason Martin (Jersey, Regno Unito 1970); Marcello Morandini (Mantova 1940); François Morellet (Cholet, Francia 1926); Klaus Mühlhäuser (Treuchtlingen, Germania 1965); Francesca Pasquali (Bologna 1980); Otto Piene (Laasphe, Germania 1928 - Berlino, Germania 2014); Paolo Scheggi (Settignano 1940 – Roma 1970); Ned Vena (Boston, USA 1982)

Cortesi Gallery, Lugano
Via Frasca, 5 - 6900 Lugano, Svizzera
Orari galleria: lunedì – venerdì: 10:00-18:00
www.cortesigallery.com
info@cortesigallery.com
Per maggiori informazioni:
Maria Cristina Giusti, Rhiannon Pickles PR, cristina@picklespr.com, +44(0)7925810607.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram