Demetrio Paparoni - Cristo e l'impronta dell'Arte. Il divino e la sua rappresentazione nel... 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DIOCESANO ​ Corso Di Porta Ticinese 95 Milano 20123

Milano - gio 19 novembre 2015

Demetrio Paparoni - Cristo e l'impronta dell'Arte. Il divino e la sua rappresentazione nell’arte di ieri e di oggi

Demetrio Paparoni - Cristo e l'impronta dell'Arte. Il divino e la sua rappresentazione nell’arte di ieri e di oggi

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DIOCESANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Di Porta Ticinese 95 (20123)
+39 0289420019 , +39 0289420019 (fax)
info@museodiocesano.it
www.museodiocesano.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Presentazione del libro di Demetrio Paparoni "Cristo e l'impronta dell'Arte. Il divino e la sua rappresentazione nell’arte di ieri e di oggi" (Skira). Con l’autore ne parlano Moni Ovadia e Aldo Nove
vernissage: 19 novembre 2015. h 18.30
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI
genere: arte contemporanea, presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Questo libro racconta come gli artisti hanno affrontato nella loro opera il rapporto con il trascendente e in che modo hanno trattato l’immagine di Cristo, interpretandone la figura con l’obiettivo di rendere visibile l’invisibile. Demetrio Paparoni, fra i piu?attenti osservatori dell’arte contemporanea, si accosta ai dipinti del passato analizzandoli in relazione alle visioni che ci vengono dall’arte moderna e contemporanea. Questa impostazione affiora già nell’immagine di copertina, un recente dipinto dell’artista cinese Yue Minjun che riprende la Deposizione dalla Croce di Rosso Fiorentino, svuotandola però della presenza umana. Con una scrittura piana e accessibile, il libro esamina il modo in cui gli artisti di oggi hanno ridisegnato sul piano iconografico, e inevitabilmente teologico, la figura di Cristo alla luce dei mutamenti storici e dello sviluppo di nuovi linguaggi. Approda all’arte dei nostri giorni mettendo in evidenza come, già dalla seconda metà dell’Ottocento, la rappresentazione di Cristo tende a sottrarsi alla narrazione religiosa per farsi simbolo della sofferenza umana. Ne consegue una rappresentazione di Cristo legata alle vicende personali dei singoli individuie alle vicendestoriche, come dimostrano le crocifissioni di James Ensor, Lovis Corinth, Max Beckman o Marc Chagall. Il libro mette in gioco inediti accostamenti che consentono di analizzare le antropometrie di Yves Klein e le tante opere realizzate attraverso l’impronta del corpo umano in relazione alla Sindone di Torino. Dedica inoltre attenzione al modo in cui la figura di Cristo compare nell’arte cinese contemporanea. La ricchezza di riferimenti spazia da Matthias Grünewald ad Anish Kapoor, da Sebastiano del Piombo ad Akseli Gallen-Kallela, dalle antiche icone ad Andy Warhol, da Hans Holbein a Marlene Dumas, dalle veroniche di El Greco a quelle di Georges Rouault, di Mimmo Paladino, di Francesco Clementee di Nicola Samorì, dalla Sindone diTorino allerappresentazioni che ne hanno fatto Tony Oursler e Wang Guangyi. Attraverso le sue analisi e l’ampia carrellata di opere, riprodotte con la qualità di stampa che caratterizza le pubblicazioni Skira, “Cristo e l’impronta dell’Arte” dà un contributo importante al dibattito contemporaneo sull’arte attuale. Demetrio Paparoni (Siracusa 1954), saggista e curatore di mostre d’arte contemporanea, ha fondato nel 1983 la rivista d’arte contemporanea “Tema Celeste”, che ha diretto fino al 2000. Ha curato numerose monografie di grandi protagonisti della scena artistica internazionale. Negli ultimi anni ha scritto saggi per i cataloghi delle grandi mostre che la città di Milano ha dedicato ad Andy Warhol, Keith Haring, Jean-Michel Basquiat, David LaChapelle, Edward Hopper, Roy Lichtenstein, Tony Oursler, Anish Kapoor. Tra i suoi libri: L’astrazione ridefinita (Tema Celeste, 1994), Il corpo vedente dell’arte (Castelvecchi, 1997), Il corpo parlante dell’arte (Castelvecchi, 1997), L’arte contemporanea e il suo metodo (Neri Pozza, 2005), Eretica (Skira, 2006), Il bello, il buono e il cattivo (Ponte alle Grazie, 2014).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram