Davide Stallone / Silvia Meier - Fotografie e bronzi in-fusione 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ARTEINCORSO GALLERY ​ Corso San Gottardo 46 Chiasso 6830

Chiasso () - dal 27 febbraio al 31 marzo 2016

Davide Stallone / Silvia Meier - Fotografie e bronzi in-fusione

Davide Stallone / Silvia Meier - Fotografie e bronzi in-fusione
ARTEINCORSO GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso San Gottardo 46 (6830)
Chiasso
+41 796034305 , +41 796034305
info@arteincorso.ch
www.arteincorso.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le curatrici della mostra hanno visto in due artisti, Silvia Meier e Davide Stallone, un denominatore comune, quel fil rouge che, magicamente, unisce passioni e tecniche espressive differenti e distanti come la fotografia e la tecnica del bronzo (fusione a cera persa). Il risultato è un dialogo che ci racconta del mondo dell’arte e, simultaneamente, del lavoro in fonderia, di un mestiere che incontra l’arte e dell’arte che incontra un mestiere
orario: MA- VE 14.30 – 18.30. SA e DO su appuntamento. LU chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 27 febbraio 2016. dalle 11 alle 17
curatori: Serenella Costa, Lydia Stadler Centonze
autori: Silvia Meier, Davide Stallone
genere: fotografia, arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La galleria arteincorso propone, dopo la mostra dedicata alla collezione di cartoline e al libro di Mario Verga

“Angoli di Chiasso ieri e oggi”, un’esposizione che rispecchia la propria identità di spazio poliedrico e il nome

stesso che la contraddistingue. Le curatrici della mostra hanno visto in due artisti, Silvia Meier e Davide

Stallone, un denominatore comune, quel fil rouge che, magicamente, unisce passioni e tecniche espressive

differenti e distanti come la fotografia e la tecnica del bronzo (fusione a cera persa). Il risultato è un dialogo

che ci racconta del mondo dell’arte e, simultaneamente, del lavoro in fonderia, di un mestiere che incontra

l’arte e dell’arte che incontra un mestiere.

Il fotografo Davide Stallone, segue da quasi un anno un suo progetto con il quale vuole testimoniare il lavoro,

a volte duro e inimmaginabile, che c’è dietro la realizzazione di una scultura, documentando l’arte in corso

d’opera. Infatti, dalle fotografie in mostra potremo comprendere quanta fatica, risorse, e spesso anche tenacia

occorra per passare dal modello fornito dall’artista alla scultura finita, per la quale ci si deve spesso

confrontare con problemi di fisica e statica. Silvia Meier aveva in mente un’opera da realizzare e, dopo molti mesi di studio e lavoro, è riuscita nella sua

impresa lavorando in una fonderia, insieme ad artigiani e operai. Il nome che ha dato alla sua fantasiosa opera

ne riassume tutta l’intensità: “SALTO DI LIBERTÀ”, una grande, bellissima rana, che tenendo sul palmo una farfalla (forse preda, forse amica), spicca un salto verso un luogo immaginario, per staccarsi dalla foglia di ninfea sulla quale si trova...

Nelle testimonianze dei professionisti della fusione che hanno aiutato Silvia Meier nella realizzazione della

sua meravigliosa rana, e che riportiamo fedelmente qui di seguito, troviamo la descrizione delle difficoltà

superate con maestria e passione, aspetti che possiamo fortemente percepire nelle fotografie di Davide

Stallone. Massimo, cesellatore : Il mio approccio alla scultura ( la rana ) di Silvia è stato dei più classici: pulitura dei pezzi in fusione

e conseguente assemblaggio mediante saldatura a TIG (Tungsten Inert Gas); ricostruzione dei particolari coperti dalla

giunzione tra le parti con gli appositi strumenti da cesello ( in gergo ferretti ) per ridare all’opera in bronzo la freschezza

del modello originale creato dall’artista. Come potrete notare la rana è raffigurata in una situazione di predazione, e qui è

sorta la difficoltà di posizionarla sulla foglia di ninfea appoggiata su di una sola zampa con tutto il peso a sbalzo.

D’accordo con Silvia abbiamo pensato di realizzare una struttura in acciaio inossidabile all’interno dell’anfibio dotata di un

innesto a baionetta capace di reggere le forze in gioco.

È sempre impegnativo per un cesellatore artistico intraprendere e portare a termine un lavoro di questa portata, ma

anche stimolante perché, fortunatamente, ho potuto godere della collaborazione di Silvia, persona affascinante dotata di

grande umanità che non ha mai avuto paura di sporcarsi le mani, pregio questo che non si riconosce a tutti gli artisti. Le

auguro una carriera ricca di riconoscimenti e soddisfazioni.

Corrado, per ritocchi ecc.: quanti chili di plastilina hai battuto, modellato, lisciato su quei ferri ? Tanti e tutti da

sola ! Aggiungendo, togliendo e raggiungendo chili di plastilina fino a che il lavoro sembrava compiuto. Le masse erano

stabilite, decise, bloccate ma ... una tessitura birichina giocava a nascondino “tormentandoti”. Un gioco durato

veramente troppo a lungo minando la pazienza e la voglia di chi aveva già dato tutto in quell’inevitabile corpo a corpo

che è la realizzazione di una scultura di grosse dimensioni. Poi la fatica, tanta fatica. Sveglia la mattina presto e non si

molla fino a sera ! Fino a quando la timbratrice comincia a gracchiare veloce mischiandosi al vociare allegro dei

fonditori a fine turno di lavoro.

Perché fare la scultura è come fare un continuo corpo a corpo !

In pittura non si ha a che fare che con tele e pennelli, tubetti di colore o, al limite, con il terrore della minaccia di una

feroce puntina da disegno per affrancare qualche appunto. L’unico elemento che in pittura può infastidire è l’odore dei

solventi: della trementina o dell’acqua ragia. Odori che possono infastidire l’olfatto dell’animo gentile di un

pittore. Odori che però lasciano totalmente indifferenti una scultrice, perché lei ha a che fare con la fatica, quella vera.

Preparare una base su cui innalzare un’armatura, movimentare pesanti assi di legno, alzare, inclinare e spostare.

Nel lavoro di una scultrice tutto è fatica. Cercare di addomesticare nerboruti tondini in acciaio da 10 millimetri che non

rispondono mai agli ordini impartiti. Imposti una piega e loro vanno sempre dalla parte opposta. Lavoro duro

impostare un’armatura. Servono spessi guanti di cuoio, muscoli e sudore. Se i muscoli non ce li hai te li devi far venire,

se necessario anche in corso d’opera. Non si scappa, la fatica chiede tutto. Ti trasforma nell’anima e nel corpo. Silvia

lotta e dice : sono disposta a tutto per la mia arte, chi se ne frega dei calli che lenti e silenziosi si impadroniscono delle

mie mani, delle mie unghie, sono uno strumento, se fossero d’impedimento al fare arte non esiterei un momento ... .

Lucida, scava, liscia e scava solchi. Rane piccole e grandi, tante. È un circo, il suo circo e lei ne è il domatore.

Tutto questo è il senso della mostra, che con pochi e significativi passaggi, ci illustra la storia di tante persone.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram