Aldo Salucci - Aquaticus 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STATUTO13 ​ Via Statuto Milano 20121

Milano - dal 4 al 17 maggio 2016

Aldo Salucci - Aquaticus

Aldo Salucci - Aquaticus
Aldo Salucci, Opale e rubino, fotografia su dbond, 150x100 cm.
 [Vedi la foto originale]
STATUTO13
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Statuto (20121)
Cortile Interno
+39 3472265227
info@statuto13.it
www.statuto13.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il soggetto dell'acqua è ricorrente nella poetica di Salucci: decontestualizzata dal suo habitat primigenio, viene fotografatae spostata in un ambiente privato, con la volontà di poterne godere i benefici visivi e cinestetici proprio al di fuori del suo ecosistema naturale.
orario: da martedì a sabato ore 11-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 4 maggio 2016. dalle ore 18 30 alle ore 21
curatori: Massimiliano Bisazza
autori: Aldo Salucci
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa

Comunicato Stampa

“Aquaticus”

Mostra personale di fotografia di:

Aldo Salucci

A cura di Massimiliano Bisazza

-Opening: 4 maggio 2016 dalle h 18,30 alle h 21,00
In mostra fino al 17 maggio 2016 mattino

Presso: Galleria d’Arte Contemporanea STATUTO13
Via Statuto, 13 (corte int.) – 20121 Milano

Apertura al pubblico: dalle h 11 alle h 19 dal martedì al sabato

“L’acqua non oppone resistenza. L’acqua scorre. Quando immergi una mano nell’acqua senti solo una carezza. L’acqua non è un muro, non può fermarti. Va dove vuole andare e niente le si può opporre. L’acqua è paziente. L’acqua che gocciola consuma una pietra. Ricordatelo, bambina mia. Ricordati che per metà tu sei acqua. Se non puoi superare un ostacolo, giragli intorno. Come fa l’acqua.”

(cit.Margaret Atwood)

Il soggetto dell'acqua è ricorrente nella poetica di Salucci: decontestualizzata dal suo habitat primigenio, viene fotografata - l'idea del dagherrotipo è vincente in questo senso - e spostata in un ambiente privato, con la volontà di poterne godere i benefici visivi e cinestetici proprio al di fuori del suo ecosistema naturale.

L'acqua è un elemento che offre una magia tutta sua; per immagini e per sensazioni, e Aldo Salucci prova quella felicità che, secondo il suo “sentire” di uomo e di artista, solo questo elemento vitale sa donare.

Ciò che è in natura secondo l'artista è comunque associabile alla perfezione, anche se è allo stato grezzo o embrionale. Abbinando questo pensiero ad una fotografia tecnicamente impeccabile, sia per la risoluzione che per la scelta del supporto d-bond, stilisticamente “pulita”, possiamo scorgere un paesaggio naturale che al contempo non è reale in quanto è idealizzato, interiorizzato, sensoriale...personalissimo.


Quando si osservano le opere di Aldo Salucci credo sia indispensabile approcciarsi alla poetica della bellezza con un atteggiamento ludico e mai troppo serioso. L'idea di fondo è quella filosofico-estetica dove la ricerca della perfezione ideale è portante tanto quanto l'intento che ne scaturisce è una sana sensazione di pace, di apprezzamento della Natura naturans (Giordano Bruno docet, ndr.), poiché perfetta in quanto tale e per sua entità.

Gli scatti fotografici che per la prima volta sono esposti in Italia rappresentano la modalità espressiva alla quale l'artista connota una profonda esigenza di esprimersi attraverso la propria creatività.





Per informazioni:

Cell. +39 347 2265227
info@statuto13.it
www.statuto13.it
www.facebook.com/statuto13












 
trovamostre
@exibart on instagram