Mad Gianni Colangelo - Wunderkammer 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAW ​ Via Morrone 71 Sulmona 67039

Sulmona (AQ) - dal 24 al 31 marzo 2016

Mad Gianni Colangelo - Wunderkammer

Mad Gianni Colangelo - Wunderkammer
Anatomia Meccanica Agnello
assemblaggio metallo riciclato e osso
2014
teschio osso 42x23x14 cm
teschio ferro 43x24x15 cm
 [Vedi la foto originale]
MAW
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Morrone 71 (67039)
+39 3314210191
info@mawlab.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Eclettiche e surreali, mosse da un bisogno irrefrenabile di “meraviglioso”, le congerie metalliche saldate e lisciate dal genio vigoroso del giovane ecoartista si erigono a sorprendenti artefatti dove le tracce di un fare antico e di moderne fatiche trasfigurano in pensose mirabilia.
orario: ore 10,30-12,30 e 17,00-20,00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 24 marzo 2016. ore 18,00
autori: Gianni Colangelo Mad
genere: arte moderna e contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nate da un immaginario allo stesso tempo fantastico e molto attuale, le sculture e le installazioni di Colangelo MAD sono l’espressione di un’inedita poetica della memoria formulata con l’uso “altro” di oggetti ferrosi di scarto provenienti dal lavoro e dalle tradizioni della propria terra, nel tentativo continuo di imitare le forme della natura, eterna ossessione dell’arte.
“Eclettici e surreali, mossi da un bisogno inesauribile di “meraviglioso” – scrive Italia Gualtieri nel testo critico che presenta la mostra – gli ammassi metallici saldati e lisciati dal genio vigoroso del giovane ecoartista danno vita a sorprendenti artefatti dove le tracce di un fare antico e di moderne fatiche trasfigurano in forme e capricci dell’anima”. Così i teschi delle “Anatomie meccaniche”, cloni metallici di altrettanti scheletri animali che parlano del perpetuo dualismo naturale/artificiale; e, ancora, le opere cinetiche come “La Morte”, “Macchina infernale”, “L’ultima Cena”, sculture integrate con parti elettromeccaniche e di interazione che alla forte capacità sperimentativa intrecciano il rimando alle tematiche prime dell’esistenza; così, infine, la serie recente delle “Sindoni”, singolare tributo alle cose eliminate, di cui le indelebili impronte vogliono fissarsi negli occhi e al ricordo. “Una sorta di ‘wunderkammer’ l’arte di MAD – conclude Italia Gualtieri – una contemporanea ‘camera delle meraviglie’ abitata dalle figure e dagli oggetti più disparati, che celebra il suo tema portante con potente e divertito senso della forma e della creazione”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram