Pino Procopio - Racconti a pastelli 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA TRIFOGLIO ARTE ​ Piazza Gian Battista Vico 7 Chieti 66100

Chieti - dal 19 novembre al 31 dicembre 2016

Pino Procopio - Racconti a pastelli

Pino Procopio - Racconti a pastelli

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA TRIFOGLIO ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Gian Battista Vico 7 (66100)
+39 0871330344 , +39 0871330344 (fax)
trifoglioarte@trifoglioarte.it
www.trifoglioarte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Sabato 19 novembre alle ore 17:00 sarà inaugurata la mostra “Racconti a pastelli” dell’artista Pino Procopio.
Durante la serata inaugurale, intervista della Dott.ssa Maria Paola Lupo al Maestro Pino Procopio che presenterà al pubblico il nuovo ciclo pittorico e le nuove sculture.
orario: da lunedì a sabato 10-13 e 16.30-20
domenica 10.30-13 e 17-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 novembre 2016. ore 17.00
curatori: Giuseppina Conti
autori: Pino Procopio
genere: arte contemporanea, presentazione, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sabato 19 novembre alle ore 17:00 presso la Galleria Trifoglio Arte sarà inaugurata la mostra “Racconti a pastelli” dell’artista Pino Procopio .
Durante la serata inaugurale piacevole intervista della Dott.ssa Maria Paola Lupo al Maestro Pino Procopio che presenterà al pubblico il nuovo ciclo pittorico e le nuove sculture.

Scrive Maria Paola Lupo: “Il senso ironico di Pino Procopio e il suo modo sarcastico di raffigurare le umane vicende e la contemporaneità in questa nuova produzione si esprimono attraverso le favole, i miti e le Città invisibili di Italo Calvino. Procopio mantenendo lo stile del disegno che lo caratterizza e che lo ha reso uno degli artisti figurativi più apprezzati nel panorama contemporaneo italiano, con queste nuove opere ci accompagna sempre più nelle meraviglie del viaggio della vita con le sue donne felliniane ed i suoi uomini, icone maschili di un sud Italia sospeso nel tempo, i suoi animali fantastici ed i suoi paesaggi marini. Fanno, inoltre, capolino quei personaggi dei fumetti Disney che hanno accompagnato la crescita di ognuno di noi e che già in sé racchiudono quei "tipi" umani che ritroviamo in tanta letteratura e cinema del secolo scorso e del nostro. Pino Procopio riesce a trasmettere il suo senso umoristico della realtà grazie ad un tripudio di forme, colori e racconti di cui l'uomo postmoderno ha bisogno oggi più che mai.”

Pino Procopio nasce a Guardavalle (CZ) 1954 il 16 Giugno, lo stesso anno che vede i natali della televisione italiana, ma, a differenza di questa egli nasce già a colori. Disegnatore appassionato sviluppa una tematica ironica, animata di personaggi felliniani, stralunati, dai volti come deformati da una lente. Costruisce i suoi quadri come scenografie teatrali affollandole di figure dalle forme straripanti e innervate da colori puri, vivacissimi e prepotenti come quelli che sceglierebbe un bambino. Numerose mostre lo hanno infatti visto protagonista durante la sua lunga e brillante carriera in diverse città italiane tra le quali Roma, Vercelli, Alessandria, Chieti, Pescara, Bologna, Teramo, Torino, Giulianova, Ascoli Piceno, Viterbo. Tra le ultime mostre si ricordano quella del 2002 alla Galleria “La Borgognona” di Roma; nel 2005 una raccolta di settanta opere racconta cento anni di storia delle Poste Italiane nella sede centrale delle Poste a Roma. Nel 2008 espone al Museo Boncompagni Ludovisi (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea), cinquanta opere su Ulisse. Nel 2010 a Pescara con la mostra “Pinocchio Jamaal, fratello Mediterraneo” racconta la storia di un pinocchio marocchino. Nel 2012 in una scuola materna indice un concorso di disegni con tema “Gli animali della savana” i cui fogli sono stati da lui tradotti in grandi opere pittoriche primitive, nuove, divertenti, veloci e colorate, tornando all'antico primitivismo.

La mostra resterà aperta fino al 31 dicembre 2016.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram