Nunzio 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 21 gennaio al primo maggio 2005

Nunzio
[leggi la recensione]

MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, curata da Danilo Eccher, propone una serie dei lavori più significativi di Nunzio che ben sintetizzano l’esperienza della sua ricerca artistica nel corso degli anni.
orario: da martedì a domenica 9–19. Festività 9-14. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 1. Gratuito fino ai 18 anni e oltre i 65
vernissage: 21 gennaio 2005. ore 18,30
catalogo: con testi critici di Danilo Eccher, Rudy Fuchs e Lorand Hegyi
editore: ELECTA
curatori: Danilo Eccher
autori: Nunzio
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Uno dei più interessanti protagonisti della nuova generazione di scultori, allievo di Toti Scialoja, Nunzio concentra la sua ricerca espressiva sulla materia, prediligendo il gesso, il legno, il piombo, che ha alternato fin dai primi anni Ottanta. Ha ricevuto il premio come miglior giovane artista alla XLII Biennale di Venezia, del 1986, oltre alla menzione d’onore per la sala personale allestita nella XLVI Biennale di Venezia, del 1995.

La mostra, curata da Danilo Eccher, propone una serie dei lavori più significativi di Nunzio che ben sintetizzano l’esperienza della sua ricerca artistica nel corso degli anni. Il percorso espositivo, che coinvolgerà tutte le quattro Sale MACRO, vuole focalizzare il dialogo quanto mai versatile tra le varie tecniche, i materiali e il linguaggio creativo. Al MACRO, inoltre, Nunzio presenta una nuova installazione pensata appositamente per questo evento.

Nunzio di Stefano si forma all’Accademia di Belle Arti di Roma come allievo di Toti Scialoja.
Ai primi anni 80 risalgono una serie di mostre personali in cui espone acquerelli e sculture in gesso dipinte, alcune delle quali come Quarto Ponte già manifestano la sua attenzione allo spazio e al coinvolgimento fisico e visivo della forma in un ambiente.
Nel 1984 partecipa alla mostra collettiva Ateliers curata da Achille Bonito Oliva, in cui venivano aperti gli studi degli artisti allora risiedenti nell’ex Pastificio Cerere nel quartiere S. Lorenzo a Roma. La mostra pur non promovendo un movimento artistico omogeneo e ben articolato, di fatto porrà l’attenzione sui nuovi orientamenti dell’arte contemporanea romana e sulle sue ricerche espressive. Nel frattempo la ricerca di Nunzio si concentra sulla materia e sulle sue qualità intrinseche. Nel corso degli anni 80 l’artista abbandona il gesso, materiale estremamente delicato, per il legno di cui svilupperà anche le qualità pittoriche attraverso un processo di combustione della materia.
Successivamente il linguaggio espressivo di Nunzio si arricchirà delle potenzialità del piombo quale superficie opaca capace di interagire con gli effetti luministici e di dialogare con lo spazio. Le sue sculture invadono l’ambiente, assorbono la luce e riflettono l’interesse dell’artista concentrato sulla costruzione della forma.
Oltre alle Biennali di Venezia, Nunzio ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero tra cui ricordiamo: Extemporanea, Galleria L’Attico, Roma (1984); Prospect 89, Francoforte (1989); Kodama Gallery, Osaka (1994);Galleria d’Arte Moderna Villa delle Rose, Bologna (1995); Nunzio, Galleria Fumagalli, Bergamo (2000).

Per l’occasione sarà pubblicato un catalogo bilingue edito da Electa contenente nuovi testi critici di Danilo Eccher, Rudy Fuchs e Lorand Hegyi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram