Angelo Gallo / Stefano Pullano - Anticorpi 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/02/2019
Chi è Giorgio Barbero Corsetti, neodirettore del Teatro di Roma – Teatro Nazionale
19/02/2019
David Hockney racconta l’evoluzione delle immagini in un libro illustrato per bambini
19/02/2019
Scalare Machu Picchu con la sedia a rotelle? Da oggi si può, con Wheel the World
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TECNECUBE ​ Piazza Francesco Crispi 9 Cosenza 87100

Cosenza - dal 25 febbraio all'undici marzo 2017

Angelo Gallo / Stefano Pullano - Anticorpi

Angelo Gallo / Stefano Pullano - Anticorpi
Angelo Gallo, uccello senza ali #020072. Acquatinta e acquaforte con sigillo in ceralacca. 40 x 40 cm
 [Vedi la foto originale]
TECNECUBE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Francesco Crispi 9 (87100)
tecneassociazione@gmail.com
www.tecne.biz
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’artista si pone non più e non solo come osservatore sopra le parti, di una società complessa e spesso incoerente, ma diventa protagonista, attraverso la sua arte, di quella realtà in cui vive, con l’intento di generare una discussione che diventano anticorpi per la società.
orario: da martedì a sabato ore 16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 febbraio 2017. ore 18.30
curatori: Roberto Sottile
autori: Angelo Gallo, Stefano Pullano
genere: arte contemporanea, performance - happening, serata - evento, giovane arte, doppia personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Un progetto espositivo che vede l’incontro e il dialogo e la comprensione dei linguaggi degli artisti Angelo Gallo e Stefano Pullano. La mostra diventa quindi un pretesto per una denuncia nei confronti dell’indifferenza di una società sempre più infettata dai virus di una contemporaneità priva della “bellezza” del pensiero e della forza dell’immagine. Una società che fa fatica a ristabilire nell’organismo del tessuto sociale la giusta temperatura emozionale, che attraverso i lavori in mostra, ritrova uno spiraglio, una cura, che risiede nel potere dell’arte e della sua comunicazione visiva e concettuale.
Gli artisti arrivano a questa diagnosi riuscendo in prima persona a mettersi in gioco attraverso un percorso di rivoluzione della propria poetica, concretizzata da una ricerca introspettiva che ha segnato nel loro percorso una crescita e una maggiore consapevolezza del valore e della capacità di denuncia dell’arte, lasciando comunque libero lo spettatore di godere visivamente di un progetto costruito con avvezze capacità tecniche e stilistiche.
Da una parte c’è Angelo Gallo, che demolisce gli schemi di una società precostituita usando quelle strutture di narrazione visiva che sono alla base di quella stessa società , e dall’altra parte Stefano Pullano che scardina quel contesto di apparente anonimato con un vigore concettuale e visivo di forte impatto emozionale. Un dibattito ed una discussione artistica che si amalgama perfettamente con una ricerca sperimentale costruita con una forte conoscenza tecnica che non diventa mai leziosa ed artefatta.
Angelo Gallo ci propone dei lavori che sono la conseguenza di un ragionamento dei linguaggi di una società contemporanea assuefatta ai deliri dei codici di comportamento e di appartenenza, che a tutti i costi vuole imporre un nuovo valore alla cultura e alla morale, riuscendo, a far dialogare l’immagine razionale con una riflessione più profonda che prende forma in storie capaci di essere lette e decifrate ad ogni latitudine.
Stefano Pullano diventa con i suoi lavori custode di quei deliri contemporanei che ci vengono restituiti con una visione artistica a tratti irriverente, mai banale, capace di creare accordo tra quel processo che vede da una parte competere la destrutturazione dell’immagine, l’evoluzione gestuale che diventa intesa visiva, consonanza ed armonia, con quella forza artistica-espressiva che traduce in una forte denuncia sociale quell’immagine.
Angelo e Stefano si propongo attraverso Anticorpi, come interpreti e traduttori di una verità autentica, ma non assoluta, che va assorbita e compresa. Per fare questo spogliano quella società dal dovere dell’apparenza, consegnandocela priva di strutture illogiche concepite dai “mercati” del nostro tempo presente. Il risultato diventa autentico. Diventa impegno, poesia, concepimento di una riflessione priva di abusi, che vive e si alimenta con, e per mezzo, e attraverso la potenza dell’arte.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram