Daniel Spoerri - Nil mors est ad nos: Der Tod betrifft uns nicht 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva WE GALLERY ​ Friedrichstrasse 17 Berlin 10117

Berlin - dal 28 aprile al 10 giugno 2017

Daniel Spoerri - Nil mors est ad nos: Der Tod betrifft uns nicht

Daniel Spoerri - Nil mors est ad nos: Der Tod betrifft uns nicht
Daniel Spoerri, "Nil mors est ad nos", 2014-2017, assemblage, 110 x 110 x 20 cm. Courtesy: WeGallery, Berlin e l'artista
 [Vedi la foto originale]
WE GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Friedrichstrasse 17 (10117)
office@wegallery.de
www.wegallery.de
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Daniel Spoerri presenta dieci nuovi assemblage che prendono avvio da un dialogo (im)possibile tra lui e Lucrezio. Con esplicito riferimento ai suoi tableaux-pièges degli anni '70, l'artista propone tavole archiviali sulle quali vengono raccolti utensili da cucina provenienti dai mercati delle pulci.
orario: da martedì a venerdì ore 11-18
sabato 13-18



(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 aprile 2017. ore 18
catalogo: in galleria. a cura di Silvia Abbruzzese, Mudima, Milano 2014, pp. 138
autori: Daniel Spoerri
note: Durante il Gallery Weekend Berlin 2017, WeGallery seguirà i seguenti orari di apertura:
sabato 29 e domenica 30 Aprile ore 11-18.
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In concomitanza con il Gallery Weekend Berlin 2017, WeGallery è lieta di annunciare la seconda personale in galleria di Daniel Spoerri (RO, 1930). Artista di apertura della prima Galleria Davide Di Maggio a Milano con il progetto "Chambre n° 13 de l’hotel Carcassonne, Paris 1959-1965" (1999), Spoerri idealmente concluderà l’esperienza berlinese di WeGallery – in vista di nuove avventure estetiche.

"Nil mors est ad nos: Der Tod betrifft uns nicht" consta di dieci assemblage che Spoerri ha realizzato appositamente per la mostra e che fanno seguito al precedente ciclo di 21 opere parte del progetto "Il Bistrot di Santa Marta" presentato nel 2014 presso la Fondazione Mudima di Milano. "Peggiorati in meglio" – come li denomina l’artista stesso – gli assemblage prendono avvio da un dialogo (im)possibile tra lui ed il filosofo romano Tito Lucrezio Caro elaborato nel libro omonimo, edito da Mudima.
Con esplicito riferimento ai suoi tableaux-pièges degli anni Settanta, in "Nil mors est ad nos" Spoerri propone tavole archiviali sulle quali vengono minuziosamente raccolti e scrupolosamente applicati utensili da cucina provenienti dal mercatino delle pulci di Vienna. Indagine accurata dell’objet trouvé e metodologia del Caso nella pratica dell’assemblaggio sono alla base della creazione delle dieci tavole. Ed è proprio in tale intervento della casualità che emerge il suo essere grande artista (contemporaneo); una "fantasia del Caso" che traslittera gli attrezzi di uso quotidiano quali coltelli e mestoli, cavatappi e grattugie, tritacarne e matterelli dalla dimensione tridimensionale della superficie orizzontale (di un tavolo di cucina) a quella bidimensionale della superficie verticale (di un’opera appesa al muro). Erede di Marcel Duchamp e tra i fondatori del Nouveau Réalisme, gli oggetti di Spoerri trovati sui banchi del mercato dissolvono la loro ordinarietà nell’atto artistico: utilizzati, poi abbandonati, in seguito acquistati e rivenduti per acquisire infine l’aura di opera d’arte. È la storia della vita e della materia, del nostro Cosmo, quella che ci si prospetta davanti alle opere di Daniel Spoerri, dove la materia stessa formata da atomi si crea, si disfa e si rigenera in maniera incessante e – secondo la visione di Lucrezio cara all’artista – casuale. È un flusso continuo di energia, quello che passa dagli oggetti alle persone e viceversa, all’interno del quale ogni cosa che ci circonda rinchiude in sé numerose vite ed altrettanti numerosi impieghi. I lavori del ciclo "Nil mors est ad nos" catturano il quotidiano classificandolo in base a tipologie, forme e funzioni secondo una ricerca fenomenologica che vede il mondo della cucina e l’arte culinaria elementi fondanti del ciclo vita-morte-vita dell’essere umano. È fotografia del nostro tempo, memoria di storie vissute e situazioni esperite, quella che Spoerri disvela, dove il collezionare diventa non solo ricostruzione archeo-antropologica di una società ma molto più profonda riflessione sulla casualità del nostro essere su questa terra.

I dieci assemblage "peggiorati in meglio" saranno inclusi in un poster informativo allegato al libro "Nil mors est ad nos: La morte non è niente per noi. Dialogo (im)possibile tra Daniel Spoerri e Tito Lucrezio Caro".


Oltre all’ideazione e realizzazione della personale di Daniel Spoerri "Chambre n° 13 de l’hotel Carcassonne, Paris 1959-1965" (1999) negli spazi della sua galleria, Davide Di Maggio ha preso parte all’organizzazione delle due ultime mostre dell’artista a Milano: "Il Bistrot di Santa Marta" (2014) e la più recente "Was Bleibt" (2016), entrambe presso la Fondazione Mudima.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram