Deiva De Angelis - Una "fauve" a Roma 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NUOVA GALLERIA CAMPO DEI FIORI ​ Via di Monserrato 30 Roma 00186

Roma - dal 3 febbraio al 5 marzo 2005

Deiva De Angelis - Una "fauve" a Roma

Deiva De Angelis - Una "fauve" a Roma

 [Vedi la foto originale]
NUOVA GALLERIA CAMPO DEI FIORI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Monserrato 30 (00186)
+39 0668804621
info@nuovagalleriacampodeifiori.it
www.nuovagalleriacampodeifiori.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mostra dedicata alla pittrice umbro–romana Deiva De Angelis (Gubbio 1885 – Roma, 24 febbraio 1925), la prima a carattere monografico.
orario: 10-13 / 16-19, chiuso lunedì mattina e festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 febbraio 2005. ore 17- 20
catalogo: a cura di: Lela Djokic e Maja Titonel con testi di Duccio Trombadori, Francesca Romana Morelli e Luc
curatori: Lela Djokic, Maja Titonel
autori: Deiva De Angelis
genere: arte moderna e contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Giovedì 3 febbraio 2005 alle ore 17,00 si inaugura alla Nuova Galleria Campo dei Fiori, una mostra dedicata alla pittrice umbro–romana Deiva De Angelis (Gubbio 1885 – Roma, 24 febbraio 1925), la prima a carattere monografico.
La rassegna organizzata insieme all’Associazione Amici di Villa Strohl–Fern, per ricordare il centoventesimo anniversario della nascita e l’ottantesimo della morte, è a cura di Lela Djokic e Donatella Trombadori con la collaborazione di Maja Titonel.
Per l’occasione sarà edito un catalogo a cura di Lela Djokic e Maja Titonel, con testi di Duccio Trombadori, Francesca Romana Morelli e Lucia Fusco.
L’esposizione comprende più di venti oli provenienti in gran parte dalle storiche collezioni private, incluse due tele Tolette del 1915 e Paesaggio urbano, 1918, appartenute al grande storico Roberto Longhi e ora conservate a Firenze all’omonima Fondazione di Studi della Storia dell’Arte. Oltre a questi capolavori si è voluto soprattutto mettere in evidenza opere meno note o in molti casi addirittura inedite.
La figura della pittrice, la sua breve e insolita vita, priva di certezze, anche anagrafiche, è un insieme degno di un’opera letteraria.
Figlia illegittima, nasce nei pressi di Gubbio, presumibilmente nel 1885 (per lei l’anagrafe è sempre assente). Deiva Terradura (cognome materno) arriva a Roma nei primi anni del Novecento. Per mantenersi vende i fiori a Piazza di Spagna, storico luogo di raduno dei modelli in cerca di lavoro. Ed è così che passa dai gradini della celebre piazza agli studi di via Margutta. L’incontro con il pittore inglese William Walcot (Odessa 1874 – Londra 1943) si rivela decisivo. E’ lui a scoprire che la sua modella, oltre alla bellezza, possiede del talento artistico. Insieme si recano a Parigi e a Londra, dove la giovane pittrice ha modo di conoscere le ultime tendenze dell’arte europea. Sposa giovanissima l’avvocato pugliese De Angelis e firmerà i suoi lavori sempre con il cognome del marito. Fra il 1914 e 1918 lavora in uno studio a Villa Strohl–Fern insieme ad Efisio Cipriano Oppo, al quale in quegli anni è legata sentimentalmente. Partecipa a Roma alle tre edizioni della Secessione nelle quali sono esposte anche le tele dei Fauve e degli Impressionisti. Nel 1918 espone alla Casina Valadier assieme ad Armando Spadini e nel 1920 allestisce una mostra personale alla Casa d’Arte Bragaglia, una delle galleria di punta dei futuristi. Infine prende parte alle tre edizioni delle Biennali romane nel 1921, 1923, 1925.
Muore a Roma a soli quarant’anni il 24 febbraio 1925, in via Angelo Brunetti, a due passi da Piazza di Popolo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram