Gruppo E - Il violinista sul tetto 3090 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO E ​ Alzaia Naviglio Grande 4 Milano 20144

Milano - dal 26 aprile al primo maggio 2017

Gruppo E - Il violinista sul tetto

Gruppo E - Il violinista sul tetto
Ivano Boselli
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO E
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Alzaia Naviglio Grande 4 (20144)
+39 02.58109843 , +39 (fax), +39
aestdelleden@libero.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra ispirata alla canzone "Il Violinista sul tetto" di Roberto Vecchioni
orario: da mercoledì a venerdì ore 15-19
da sabato a lunedì ore 11-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 26 aprile 2017. 0re 18.00
curatori: Valentina Carrera
autori: Cislaghi Artist, Marco Bellomi, Giulio Belloni, Sabrina Bonetta, Ivano Boselli, Massimo Bruna, Valentina Carrera, Raffaele De Francesco, Francesco Epis, Paolo Lo Giudice, Monica Mietitore, Giuseppe Orsenigo, Lyudmila Vasilieva
genere: fotografia, arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il bambino, così come l’uomo che rimane in qualche modo innocente perché non si lascia abbattere dalla durezza del metallo di cui spesso sono fatte le anime degli uomini intorno a noi, hanno il grande dono di saper fare progetti. Nella dimensione pura della proiezione di sé verso un futuro di sogni la cosa più meravigliosa che capita al loro spirito è la leggerezza con cui, quasi senza aspettative, ci si lancia in un volo che potrebbe condurre alla caduta, alla rovina, senza però dare troppa importanza al rischio della delusione. La sostanza del progetto poi, di per sé, non è così essenziale, perché lungo il percorso si può sempre cambiare direzione, approdare a spiagge sconosciute, sorvolare territori misteriosi, cadere in trappole fantastiche, cadere, rotolare, correre o passeggiare… perché alla fine una meta ci sarà, fors’anche un semplice sorriso ironico per una sconfitta epica. Una ed una cosa sola importa: la madre, simbolo dell’amore dei nostri cari, che nelle parole di Vecchioni protegge e sostiene il figlio e le sue aspirazioni anche quando queste sono inconsuete, incomprensibili, in apparenza anche inutili e vuote: una ed una cosa sola importa: che chi ci ama ci tenga per mano. (Alessandro Baito)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram