Impronte Vegetali 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EX MACELLO ​ Via Alvise Cornaro 1 Padova 35128

Padova - dal 2 giugno al primo luglio 2018

Impronte Vegetali

Impronte Vegetali
Giovanni Maffucci - Gli elementi della città
 [Vedi la foto originale]
EX MACELLO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alvise Cornaro 1 (35128)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una fascinosa impollinazione di suggestioni e tecniche di quindici artisti dell'arte ceramica contemporanea, coinvolti con sculture e installazioni site specific ad offrire la loro originale visione del rapporto della natura con la contemporaneità, in una grande esposizione che si fa giardino urbano
orario: martedì – venerdì ore 17:00-21:00
sabato e domenica ore 10:00-13:00/17:00-22:00
lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 2 giugno 2018. ore 18.30
catalogo: in galleria.
curatori: Mara Ruzza
autori: Annalia Amedeo, gruppo BAUM, Fabio Ciancaglini, Carla Collesei, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Silvia Granata, Giovanni Maffucci, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, Marco Maria Polloniato, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Vittore Tasca
patrocini: Assessorato alla Cultura, Comune di Padova
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
L'arte ceramica contemporanea ritorna, con la forza dirompente della natura, alla cattedrale ex Macello di Padova, inaugurando venerdì 1 giugno alle ore 18:30 una nuova grande esposizione che si fa giardino urbano dal 2 giugno al 1 luglio.
Promossa dall'Assessorato alla Cultura, l'esposizione curata da Mara Ruzza presenta opere di maestri ceramisti contemporanei che, in una fascinosa impollinazione di suggestioni e tecniche, propongono una riflessione originale sul tema del rapporto tra contesto urbano e Natura che si impone e prorompe riappropriandosi di spazi, angoli, ambienti, fessure, a formare un "giardino urbano" anarchico e vitale, sorprendente e inarrestabile.
Impronte, orme, resilienze, la Natura lascia il segno, dimenticata si ripropone, avvilita rompe le barriere dei muri chiusi, dilaga, ricolonizza la terra antropizzata, vive. L'esposizione trasporta nella magica atmosfera di un paesaggio scultoreo ricco di diversità e spunti di riflessione, induce a “Vedere un mondo in un granello di sabbia e un paradiso in un fiore selvatico, tenere l'infinito nel cavo della mano e l'eternità in un'ora” (W. Blake).

Annalia Amedeo, il gruppo BAUM, Fabio Ciancaglini, Carla Collesei, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Silvia Granata, Giovanni Maffucci, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, Marco Maria Polloniato, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Vittore Tasca, quindici artisti provenienti da regioni diverse, riconosciuti maestri della scultura ceramica nazionale ed internazionale (sono) coinvolti con sculture e installazioni site specific e contribuiscono a farci meditare, ciascuno con il proprio stile, con la propria riconosciuta peculiarità espressiva, intorno a questo singolare rapporto tra natura e contemporaneità.

Nella suggestiva architettura pre-industriale dell'ex Macello, luogo ideale per ospitare una mostra di arte ceramica d'autore di così ampio respiro, saranno i giardini a farla da protagonista: dall'eleganza di quelli effimeri di porcellana, la singolarità di quelli di pietra, quelli spirituali ed i verticali.
In questi giardini sui generis la forza vitale di bulbi e semi, la incredibile colonizzazione di concrezioni su un telaio d'auto dismessa sembrano contrastare la classicità delle teste arcaiche di Core e Demetra, l'antica tecnica del kintsugi, la ceramica primitiva. Diverse manifestazioni della forza inarrestabile e incontenibile, ma pur sempre fragile, dell'arte e della natura.
Ricerche e sperimentazioni ad alto livello tecnico creano un percorso suggestivo con terre sigillate, bucchero, affumicature, estrusioni e intarsi, smalti, impronte a fuoco, esplosioni fiorite, forme organiche vegetali, rizomi a lustro. Terre raffinate e fragili porcellane che dialogano con elementi naturali, ferro, cemento, spago, resina, residui di plastica, allestendo paesaggi, lavori originali, poetici ed evocativi.

Info:
Apertura esposizione: 2 giugno – 1 luglio 2018
Orari: martedì – venerdì ore 17:00-21:00,
sabato e domenica ore 10:00-13:00/17:00-22:00,
lunedì chiuso. Ingresso libero.
https://www.facebook.com/LeArtiDelFuoco/
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram