Fabio Di Lizio - Tabula fabula 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEOLABORATORIO ​ Vico Lupinato 1 Città Sant'angelo 65013

Città Sant'Angelo (PE) - dal 2 al 23 giugno 2018

Fabio Di Lizio - Tabula fabula

Fabio Di Lizio - Tabula fabula

 [Vedi la foto originale]
MUSEOLABORATORIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Vico Lupinato 1 (65013)
+39 085960555 , +39 085960555 (fax)
info@museolaboratorio.org
www.museolaboratorio.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Sabato 2 giugno, alle ore 18.30, presso il Museolaboratorio di Città Sant’Angelo (Pescara), apre al pubblico “Tabula Fabula”, mostra personale di Fabio Di Lizio (Ortona 1976), per la cura di Enzo De Leonibus.
orario: da mercoledì a domenica ore 18-21
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 2 giugno 2018. ore 18:30
curatori: Enzo De Leonibus
autori: Fabio Di Lizio
patrocini: Comune di Città Sant'Angelo
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si tratta di lavori, recenti e non, tecnicamente eterogenei, che ci rimandano a quelle scoperte
senza pura intenzionalità con sintonizzazioni affettive nei confronti dell’ambiente circostante,
a quelle proto-esperienze rivolte alla proprietà elementari, ma alquanto significative
dal punto di vista estetico, degli oggetti-cose di fronte a noi, al piacere della ripetizione
e della variazione che insieme generano attese e anticipazioni circa il da farsi, il da esserci.
All’infanzia, a quella stupefacente favola dove ogni cosa sta al suo posto come anche
no, e ciò non fa problema, anzi. Tornare a quei segni che hanno scavato, inciso, forgiato,
impresso, e rinascere, di nuovo e di continuo, attraverso quelle immagini che ci rapiscono
come in un sentimento d’intensificazione della nostra vita e di ben-essere nella
trama di relazioni con il commercio del mondo e con gli altri che ne fanno parte. Alla
chiusura della mostra sarà presentato il catalogo, con un testo critico di Domenico Spinosa.
Fabio Di Lizio nasce a Ortona, dove vive ed opera. Attualmente è docente di Grafica d’Arte
– Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila.
Consegue il diploma di primo livello nel 2006, presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila,
nel corso di Grafica e Progettazione, con una tesi in calcografia sotto la supervisione dei
docenti Valter Battiloro e Lorenzo Bruno, e realizza un’edizione di numero trenta cartelle
contenenti quattro incisioni sotto il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila.
È ammesso alla frequenza di un corso superiore presso l’Istituto Nazionale per la Grafica,
tenutosi nei locali della Calcografia di Stato a Roma. Selezionato alla “Biennale Internazionale
di Grafica”, Francavilla a Mare, 2006. Vince la 3ª Biennale dell’Illustrazione “Renzo C,
Ventura. Tra Secessione e Deco” per la migliore tecnica, Comune di Colmurano, Macerata,
2006. Partecipa alla 4ª Biennal Internacional d’Art.Gràfic.S.Carles de la Ràpita, Spagna,
2006. Inserito nel REPERTORIO DEGLI INCISORI ITALIANI, Gabinetto Stampe Antiche e Moderne
del Comune di Bagnacavallo, 20042007.
Si ringrazia: Domenico Spinosa, Ruperto Polleggioni
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram