Sergio Visciano - Statuae Vivae a Baia 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/04/2019
121 disegni di Andy Warhol saranno esposti per la prima volta a New York
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO ARCHEOLOGICO DEI CAMPI FLEGREI ​ Via Castello 39 Bacoli 80070

Bacoli (NA) - dal 30 giugno al 30 ottobre 2018

Sergio Visciano - Statuae Vivae a Baia

Sergio Visciano - Statuae Vivae a Baia
Sergio Visciano, Ninfa di Cuma
 [Vedi la foto originale]
MUSEO ARCHEOLOGICO DEI CAMPI FLEGREI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Castello 39 (80070)
Castello Di Baia
+39 , +39 (fax), +39
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto fotografico nasce dall’esigenza di attualizzare la bellezza classica proposta da capolavori della scultura antica esposti in vari musei italiani. L’interesse principale che muove l’autore è creare una connessione tra opera d’arte, fotografo e spettatore.
orario: da martedì a domenica ore 9-14.20 - ultimo ingresso alle ore 13.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 giugno 2018. h 11.20
autori: Sergio Visciano
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
1 luglio - 31 ottobre 2018
inaugurazione Sabato 30 Giugno 2018 ore 11.30

Il progetto fotografico Statuae Vivae, di Sergio Visciano, nasce dall’esigenza di attualizzare la bellezza classica proposta da capolavori della scultura antica esposti in vari musei italiani. L’interesse principale che muove l’autore è creare una connessione tra opera d’arte, fotografo e spettatore, al fine di valorizzare ciò che sta all’interno della statua, la sua essenza, che va oltre il tempo e oltre il contesto storico in cui è stata realizzata.

Volti, corpi, gesti che attraverso lo sguardo dell’artista trascendono la materialità del marmo e producono nuove percezioni, altri racconti, molteplici riflessioni.

Sono ventisette le opere in mostra, di cui sedici dedicate al museo flegreo. Gli scatti offrono un catalogo di divinità, eroi, personaggi mitici, rappresentazioni ideali di atleti del mondo antico: accanto alle opere del Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel castello di Baia (la statua di Persefone e la testa di Atena Lemnia dal Rione Terra, la statua di Issione sempre da Pozzuoli, la statua di Ninfa seduta da Cuma, la statua di bambina dal Ninfeo sommerso di Punta Epitaffio, e altre), trovano posto il Doriforo, l’Afrodite di Capua e due statue di guerrieri della Collezione Farnese esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la Niobide dagli Horti Sallustiani del Museo Archeologico Nazionale Romano-Palazzo Massimo, il Galata morente dei Musei Capitolini.

Un viaggio iniziato nel 2006, partendo dalle visioni suggestive del maestro Mimmo Jodice, e costruito nel corso di frequenti visite nei principali musei archeologici (Roma, Napoli, Baia), che ha avuto una prima tappa espositiva presso la Reggia di Colorno (PR) con la curatela di Paola Riccardi. Al Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia approda con un percorso ampliato ad hoc, centrato sulle opere artistiche presenti in questo contesto. E non è un caso, forse, che già in testa al primo progetto fotografico fossero stati scelti i versi dell’Imperatore esteta Adriano che proprio a Baia concluse la sua vita:

Animula vagula blandula,
hospes comesque corporis
quae nunc abibis in loca
pallidula, rigida, nudula,
nec, ut soles, dabis iocos

Piccola anima smarrita e soave,
compagna e ospite del corpo,
ora ti appresti a scendere in luoghi
incolori, ardui e spogli,
ove non avrai più gli svaghi consueti

“Una mostra che arricchisce il percorso di visita del Museo Archeologico dei Campi Flegrei” afferma il Direttore Paolo Giulierini “dove lo straordinario repertorio scultoreo flegreo diventa ispirazione e reinterpretazione in una dimensione di incontro tra mondo antico e creatività contemporanea, che è uno dei tanti dialoghi che il museo si propone di promuovere e favorire”.


Note biografiche

Sergio Visciano, geologo e fotografo, partecipa in gioventù a numerose ricerche archeologiche organizzate dalle Università di Padova, Londra e Lancaster.
Dal 2005 espone i propri lavori fotografici e pittorici a Verona, Roma, Milano e Venezia.
Di particolare interesse il progetto fotografico Statuae Vivae, a cura di Paola Riccardi, in mostra alla Reggia di Colorno nell’ambito di Photolife 2011 con, tra gli altri, il grande maestro Nino Migliori e il progetto La Divina Commedia per Immagini, presentato alla Società Dante Alighieri di Roma e presso il Castello Sforzesco di Milano nel 2015, nell’ambito degli eventi per il 750° anniversario della nascita del Sommo Poeta.


Museo Archeologico dei Campi Flegrei
nel Castello di Baia
t 081 5233797
via Castello 39, Bacoli (NA)
pa-fleg@beniculturali.it

orari
Tutti i giorni, tranne il Lunedì,
dalle 9.00 alle 14.20
- ultimo ingresso alle ore 13.00 -

Comunicazione della mostra:

MADE4ART | Comunicazione e servizi per l’arte e la cultura
www.made4art.it | press@made4art.it

Dott.ssa Elisabetta Froncillo
elisabettafroncillopafleg@gmail.com
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram