Il fascino indiscreto della pittura #2 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
20/11/2018
Una grande mostra dedicata a Frida Kahlo inaugurerà al Brooklyn Museum di New York
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MANIERO ​ Via Dell'arancio 79 Roma 00186

Roma - dal 10 marzo al 9 aprile 2005

Il fascino indiscreto della pittura #2

Il fascino indiscreto della pittura #2
Nardi
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MANIERO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dell'Arancio 79 (00186)
+39 0668807116 , +39 0668807116 (fax)
galleriamaniero@fastwebnet.it
www.galleriamaniero.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Secondo appuntamento del doppio evento espositivo: “Il fascino indiscreto della pittura” dove sono raccolti pittori appartenenti alle generazioni successive a quella presentata nella mostra precedente.
orario: da martedì a sabato ore 16-20 e per appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 marzo 2005. ore 18
catalogo: con testo di Lorenzo Canova
autori: Ennio Alfani, Alessandra Di Francesco, Stefania Fabrizi, Tommaso Lisanti, Adriano Nardi, Francesca Tulli, Marco Verrelli
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La galleria Maniero presenta il secondo appuntamento del doppio evento espositivo: “Il fascino indiscreto della pittura” dove sono raccolti pittori appartenenti alle generazioni successive a quella presentata nella mostra precedente.
Come scrive Lorenzo Canova in catalogo “artisti come Ennio Alfani, Alessandra Di Francesco, Stefania Fabrizi, Tommaso Lisanti, Adriano Nardi, Francesca Tulli, Marco Verrelli, fondono fotografia, digitale, video e disegno nella loro pittura, riflettendo sui problemi del presente e delle sue grandi dialettiche, in lavori dove la pittura indaga dimensioni intime della memoria o problemi politici, le grandi questioni sociali, urbanistiche ed ecologiche, mostrando nelle loro opere un cuore “antico” rielaborato in forme del tutto attuali, in una visione incentrata su una concezione dell’immagine che, in forme nuove e del tutto contemporanee, si ricollega alla storia millenaria dell’arte su tutto il nostro territorio. Questi artisti considerano la pittura e la scultura come linguaggi dinamici in stretta relazione con le nuove espressioni più tecnologiche e non come tecniche ‘antiche’ e arroccate su uno sterile isolamento di nostalgico tradizionalismo: il nuovo dialogo tra le diverse forme espressive ha del resto arricchito anche la fotografia, le tecnologie digitali e il video, in un clima dove incontriamo quadri progettati attraverso supporti informatici o mediati da immagini fotografiche e video, o dove possiamo vedere stampe lambda, scatti e filmati che cercano di avere una dimensione “pittorica” o “scultorea”, che denuncia non di rado un preciso e dichiarato rapporto con il grande tesoro di spunti derivati dalla storia dell’arte. È stato, del resto, da tempo e da più parti notato come la pittura e la scultura abbiano certamente dovuto (e saputo) cambiare moltissimo anche per adeguarsi alla concorrenza dei potenti mezzi tecnologici legati all’immagine, quei nuovi media che fino a poco tempo fa erano visti non solo come dei nemici ma come dei veri e propri killers destinati a distruggere le tecniche più tradizionali. E si può certamente osservare anche come, per superare questo momento di fortissima crisi, la pittura e la scultura abbiano saputo trasformare le loro millenarie forme espressive in veri e propri ‘vampiri’ e ‘organismi mutanti’, in grado di appropriarsi dei vocaboli e dei fonemi del cinema, della storia dell’arte, della fotografia, della pubblicità, del fumetto, o di internet, trasformandoli e metabolizzandoli in un linguaggio i cui codici appaiono sottoposti ad una continua metamorfosi creativa”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram