Fathiya Tahiri - Depth of the sea 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE COSTANTINO BARBELLA ​ Via Cesare De Lollis 10 Chieti 66100

Chieti - dall'otto luglio al 2 settembre 2018

Fathiya Tahiri - Depth of the sea

Fathiya Tahiri - Depth of the sea

 [Vedi la foto originale]
MUSEO D'ARTE COSTANTINO BARBELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Cesare De Lollis 10 (66100)
+39 08714083352
museo.barbella@provincia.chieti.it
www.muvi.org/museobarbella
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’arte di Fathiya Tahiri si sviluppa come una sorta di ‘affresco epico’ che trasmette tutta la tragicità del vivere insita nell’animo umano
orario: mostra aperta tutti i giorni 10:00 - 12:30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 luglio 2018.
curatori: Paolo de Grandis
autori: Fathiya Tahiri
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’arte di Fathiya Tahiri si sviluppa come una sorta di ‘affresco epico’ che trasmette tutta la tragicità del vivere insita nell’animo umano. I suoi dipinti sono animati da un’energia che nasce da dentro e si trasforma sulla tela attraverso il colore e la materia pittorica. La sua arte è l’incontro di sensazioni con la realtà attuale che reagisce ai movimenti dell’anima con il potere delle sensazioni visive. La ricerca espressiva di Fathiya Tahiri si è sviluppata negli anni con rara coerenza. Insiste sui suoi temi, le sue emozioni, le sue ossessioni per misurarsi con il mondo. Potrebbero apparire evidenti le sue influenze, la tradizione coloristica marocchina o le campiture surrealiste, ma in realtà le combinazioni ed i personaggi che animano i suoi quadri o le sue sculture antropomorfe assumono una espressione “patetica” in continua rinascita, si traducono in itinerari dell’anima che si sono dovuti così esprimere. Fathiya Tahiri ha rappresentato il Marocco alla Biennale di Venezia nel 2005 e nel 2009 e una sua mostra antologica si è tenuta nel 2011 presso il Shanghai Art Museum.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram