Principia Bruna Rosco - Transumanze 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DELLA TRANSUMANZA ​ Via Roma Villetta Barrea 67030

Villetta Barrea (AQ) - dal 7 al 26 agosto 2018

Principia Bruna Rosco - Transumanze

Principia Bruna Rosco - Transumanze
Prato di fiorellini
 [Vedi la foto originale]
MUSEO DELLA TRANSUMANZA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Roma (67030)
+39 340 3174515
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra personale di Principia Bruna Rosco: d’origine lucana, vive e lavora tra la Lombardia e l’Abruzzo, in particolare nei centri del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
orario: tutti i giorni dalle ore 10,30 alle 12,30 e dalle ore 17,30 alle ore 20,00 o
previo appuntamento al cell. della pittrice 338.6881878.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 7 agosto 2018. h 18
curatori: Maria Pia Graziani
autori: Principia Bruna Rosco
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Museo della Transumanza di Villetta Barrea (AQ) apre le porte a Principia
Bruna Rosco.
La personale di pittura di Principia Bruna Rosco dall’emblematico titolo: “Transumanze”, si terrà
nell’importante Museo della Transumanza di Villetta Barrea (AQ) dal 7 a 26 agosto 2018.
Inaugurazione: 7 agosto 2018 alle ore 18,00.
Il Museo si trova in Via Roma - 67030 Villetta Barrea (AQ) Tel.340/3174515.
La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 10,30 alle 12,30 e dalle ore 17,30 alle ore 20,00 o
previo appuntamento al cell. della pittrice 338.6881878.
La pittrice sarà sempre presente e dipingerà in estemporanea davanti ai locali del Museo.
Tale manifestazione è stata promossa dal Museo della Transumanza, con il Patrocinio del Parco
Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e del Comune di Villetta Barrea, curata dalla dott.ssa Maria
Pia Graziani, Direttrice del Museo della Transumanza.

Principia Bruna Rosco d’origine lucana, vive e lavora tra la Lombardia e l’Abruzzo, in particolare
nei centri del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
Fin da piccola, mostra una predisposizione alle materie artistiche, partecipando ad estemporanee,
esposizioni all'aperto e concorsi. Nel 1971 approda alle famose opere a carattere concettuale
conferendo alle stesse colore e matericità. Le opere sono prevalentemente tele di notevoli
dimensioni, dipinte con grandi gesti, dove il pigmento allo stato puro viene esaltato dal colore che
viene usato come mezzo espressivo, diventando protagonista assoluto della sua pittura trasmettendo
emozioni forti e soprattutto una gioiosa e sana filosofia di vita. E d’altronde, una vera opera d’arte
si forma attraverso i colori, mai il contrario. Per quanto riguarda la relazione fra scrittura e pittura
lei afferma che il colore e le parole si alimentano a vicenda. Infatti, è innegabile che le sue opere
d’arte si trasformano in storie di vita e viceversa.
E’ stata tenuta a battesimo dai grandi maestri dell’arte come Schifano, Brindisi, Poli, Kodra e altri
di grande autorevolezza, dai quali ha ereditato il tratto distintivo del colore denso e acceso.
Abbeverata della pittura di questi grandi maestri, nel corso degli anni ha saputo "stravolgere" ed
inventare un modo del tutto personale ed originale di fare arte.
A tutt’oggi ha al suo attivo più di 600 mostre personali e collettive tenute in tutto il Mondo.
Il nuovo millennio segna per l’artista anche l’incontro con la scrittura con la pubblicazione di
diversi libri, tra questi: le poesie “VORREI” e “Conoscere il Vento”; i romanzi “PETRA - La
Donna del Vento”, “La Ragione del Destino”, “L’Incursore” e “Kamikaze-Non si può morire due
volte”.
In qualità di giornalista ha scritto migliaia di articoli e interviste, soprattutto ai Generali-
Comandanti delle Forze Armate con prevalenza dell’Esercito Militare Italiano a cui è molto legata
da ideali patriottici. E’ stata la prima giornalista in Italia a far conoscere la grandezza delle Forze
Armate, a mettere in comunicazione il Mondo Militare con il Mondo Civile.
L’Artista è socia del prestigioso Circolo Militare Lombardia, è socia dell’A.N.C., è socia
dell’U.N.U.C.I. con il quale il 4 Novembre 2018 terrà una Mostra per festeggiare i cento anni
dell’Unità d’Italia, e di varie Associazioni d’Arte. E’ socia dell’esclusivo Circolo di Cultura e
Scienza PIRI PIRI, è socia-fondatrice del FORUM delle Associazioni e degli Amici di Palazzo
Cusani. E’ socia dell’Associazione Regionale Pugliesi Lombardia e altre che sarebbe troppo lungo
da elencare. E’ Presidente dell’Associazione Culturale-Artistica IL VOLANO idealmente legata
all’Esercito Militare Italiano.
Il giornalista Gian Marco Walch del quotidiano IL GIORNO, di lei ha scritto: "La Rosco ha
abbandonato il figurativo accademico per dedicarsi all'informale tendente all'astratto,
privilegiandolo per esplorare le emozioni racchiuse nel colore, sempre squillante, spesso esplosivo:
fiori, paesaggi, figure, ritratti nel segno di un espressionismo spontaneo, viscerale, che la
schiudono a nuovi percorsi, ancora ignoti".
Il noto Critico d’Arte, Dott. Ing. Carlo Roberto Sciascia, su Principia Bruna Rosco si è così
espresso: “Il suo mondo passionale si inerpica in intreccio di colori vivaci, supportati da slanci
improvvisi e da segni risoluti che offrono al fruitore gradevoli impressioni di una realtà vera,
trasfigurata dall’artista per trasmettere vivide sensazioni interiori. L’espressività, poi, con un
linguaggio immediato ed impulsivo si arricchisce di una creatività <folgorante> che si dipana in
flussi energetici vitali ed in intime vibrazioni.

Gli svariati elementi della metamorfosi lirica e poetica della realtà è vissuta in una miriade di
frammenti, dai quali si intravede una struttura articolata che si evolve in momenti fuggenti
percepiti, che risuonano nell’animo di Rosco e manifesta un inedito rapporto tra visione del reale e
mondo interiore e ne allargano il campo all’infinito in un’originale trasfigurazione lirica della
realtà”.

Dott.ssa Maria Pia Graziani
(Direttrice del Museo della Transumanza)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram