Eelco Brand - Polygons & Polymers 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/10/2018
Bansky ha pubblicato un video in cui svela i dettagli dietro la distruzione di Girl With Balloon
19/10/2018
Al Palacio de Gaviria di Madrid va in scena Domus, la personale di Francesca Leone
19/10/2018
Strabismo di Leonardo. Il disturbo sarebbe stato decisivo per le sue opere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO LA CITTA' ​ Lungadige Galtarossa 21 Verona 37133

Verona - dall'undici ottobre al 17 novembre 2018

Eelco Brand - Polygons & Polymers

Eelco Brand - Polygons & Polymers
Eelco Brand, GR.movi, 2016 - 3D animation continuous, 40,7x67x12,1 cm.
 [Vedi la foto originale]
STUDIO LA CITTA'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Lungadige Galtarossa 21 (37133)
+39 045597549 , +39 045597028 (fax)
lacitta@studiolacitta.it
www.studiolacitta.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Studio la Città inaugura giovedì 11 ottobre, alla vigilia della 14° edizione di ArtVerona, una mostra dedicata ai nuovi lavori dell’artista olandese Eelco Brand. L’artista propone per l’occasione 9 animazioni digitali, dedicate al mondo naturale, e 2 sculture in resina polimerica colorata.
orario: da martedì a sabato ore 9-13 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 ottobre 2018. ore 18.00
autori: Eelco Brand
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Studio la Città inaugura giovedì 11 ottobre, alla vigilia della 14° edizione di ArtVerona, una mostra dedicata ai nuovi lavori dell’artista olandese Eelco Brand.

L’artista propone per l’occasione 9 animazioni digitali, di cui una assolutamente inedita, tutte dedicate al mondo naturale e alla raffigurazione minuziosa e dettagliata di scenari organici, incentrati principalmente sui movimenti di crescita delle piante e sui loro cicli infiniti.
Questi rendering, proposti all’interno di veri e propri “quadri digitali” che l’artista definisce animation boxes, sono realizzati attraverso l'uso di un software di modellazione 3D: uno strumento tecnico e meccanico che Brand contrappone volontariamente alla naturalezza dei processi biologici, oggetto delle sue opere.
Nonostante sia chiaramente visibile che si tratti di lavori virtuali, la grafica è allo stesso tempo talmente curata nel particolare che, agli occhi dello spettatore, risulta difficile distinguere ciò che è reale e ciò che invece è frutto di una simulazione.
I movimenti delle animazioni, che si ripetono regolarmente nello stesso ordine, offrono un nuovo modo di raffigurare la vegetazione e le sue qualità magiche.

Oltre a questi rendering, nella mostra Polygons & Polymers sono esposte 2 sculture in resina polimerica colorata, quasi un richiamo a forme biologiche primordiali. Sebbene entrambe le tipologie di lavori siano progettate con i medesimi software, la creazione delle sculture può essere vista come la materializzazione ingigantita di forme digitali di base, scaturite dall’immaginazione di Brand. Le loro sagome sinuose, infatti, rispecchiano tutte le caratteristiche tipiche della progettazione tridimensionale computerizzata e aspirano a divenire elementi costitutivi di un nuovo linguaggio scultoreo digitale. Qui l’artista sembra dunque indagare un quesito matematico che è da tempo alla base della “biomimetica” (incrocio tra biologia e tecnologia), ovvero trovare l'equazione che governa le forme di Madre Natura, da sempre considerata la migliore designer dell’universo nonché Modello, Misura e Guida nella progettazione degli artefatti realizzati dall’uomo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram