Equilibrium. Un’idea per la scultura italiana 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/11/2018
Nel 2019 Bon Iver tornerà in Italia per un'unica data
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MAZZOLENI ​ Piazza Solferino 2 Torino 10121

Torino - dal 26 ottobre 2018 al 19 gennaio 2019

Equilibrium. Un’idea per la scultura italiana

Equilibrium. Un’idea per la scultura italiana - -

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MAZZOLENI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Solferino 2 (10121)
+39 011534473 , +39 011538625 (fax)
info@mazzoleniarte.it
www.mazzoleniarte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto espositivo indaga una delle costanti della scultura italiana che attraverso il superamento del tutto tondo si apre, letteralmente, allo spazio.
orario: Dal martedì al sabato 10.30 – 13 / 16 – 19
Domenica chiuso; Lunedì su appuntamento

(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 26 ottobre 2018. ore 18.00
catalogo: in galleria. in italiano e inglese con un saggio di Giorgio Verzotti
curatori: Giorgio Verzotti
autori: Vincenzo Agnetti, Getulio Alviani, Giovanni Anselmo, Gianni Caravaggio, Alice Cattaneo, Paolo Cotani, Elisabetta di Maggio, Luciano Fabro, Sergio Limonta, Filippo Manzini, Giuseppe Maraniello, Fausto Melotti, Hideoshi Nagasawa, Nunzio, Shigeru Saito, Remo Salvadori, Luca Trevisani
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Mazzoleni è lieta di presentare Equilibrium. Un’idea per la scultura italiana a cura di Giorgio Verzotti. La mostra è il primo appuntamento dopo l’ampliamento della galleria, che arriva quasi a raddoppiare gli spazi della storica sede nel centro di Torino, in Piazza Solferino 2.
Il progetto espositivo indaga una delle costanti della scultura italiana che attraverso il superamento del tutto tondo si apre, letteralmente, allo spazio.

Se un punto di partenza di questa indagine risale alle ricerche futuriste, è nella linea che va da Fausto Melotti a Luciano Fabro e a Hideoshi Nagasawa fino ai più giovani Gianni Caravaggio, Alice Cattaneo, Sergio Limonta, Filippo Manzini, che si radicalizza la scelta di sottrarre corpo all’opera scultorea, per farla interagire con l’ambiente in cui viene esposta. Lo spazio infatti diviene elemento significante al punto da modificare l’assetto e la percezione dell’opera stessa.

Un procedere “in negativo” che si verifica anche in campi diversi dalla scultura vera e propria, a partire dalle ricerche di ambito cinetico o analitico, da certi esiti dell’Arte Povera fino a quelle più recenti. Si giunge così a creare una dimensione quasi indecidibile dell’opera, in bilico fra diversi statuti: pittura, scultura, bassorilievo, installazione ma anche fotografia o elemento sonoro. Va in questo senso il lavoro di maestri come Vincenzo Agnetti, Getulio Alviani e Giovanni Anselmo, ma per percorsi diversi arrivano a simili sintesi di senso anche Paolo Cotani, Nunzio, Giuseppe Maraniello fino a Luca Trevisani e Shigeru Saito, esponenti delle tendenze più recenti.

Ciascun artista giunge ad una situazione di equilibrio fra gli elementi che fisicamente compongono il lavoro: in questo modo la fragilità, che spesso diventa il minimo comune denominatore di queste ricerche, per esempio in Elisabetta Di Maggio, trova una forza capace di conferire stabilità.
Sul fronte opposto, il peso di materiali tradizionali come marmo, pietra o i metalli - adottati per esempio da Remo Salvadori - trova una effettiva leggerezza nell’equilibrio fra le spinte e controspinte su cui l’opera è costruita, a volte su nessi davvero precari, permutabili, mai definitivi.
La mostra è accompagnata da un catalogo in italiano e inglese e include un saggio di Giorgio Verzotti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram