Mine. Video Sound Art Festival 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ALBERGO DIURNO VENEZIA ​ Piazza Guglielmo Oberdan Milano 20129

Milano - dal 29 novembre al 2 dicembre 2018

Mine. Video Sound Art Festival

Mine. Video Sound Art Festival

 [Vedi la foto originale]
ALBERGO DIURNO VENEZIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Guglielmo Oberdan (20129)
+39 , +39 (fax), +39
info@fondoambiente.it
www.fondoambiente.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Video Sound Art festival VIII edizione ospiterà il video artista di fama internazionale Ali Kazma e gli artisti Oli Bonzanigo, Caterina Morigi, Diego Cibelli con interventi artistici realizzate in collaborazione con l’Istituto della ceramica e della porcellana Giovanni Caselli e il Museo di Capodimonte.
orario: 10:00 - 22:00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Ingresso libero
Visite guidate 5€
vernissage: 29 novembre 2018. h 18:00
autori: Olì Bonzanigo, Davide Cibelli, Ali Kazma, Caterina Morigi
genere: arte contemporanea, collettiva
email: ufficiostampa@videosoundart.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
VERNISSAGE GIOVEDI 29 NOVEMBRE, ORE 18:00
Esposizione: 30 novembre – 2 dicembre, 10:00 – 22:00
Apertura straordinaria sabato notte 1 dicembre

Per la sua ottava edizione, Video Sound Art festival riapre le porte dell’Albergo Diurno Venezia, il centro servizi anni ‘20 progettato per viaggiatori dall’architetto Portaluppi, sotto la centralissima Piazza Oberdan.

MINE è il titolo dell’ottava edizione, a cura di Laura Lamonea, un’esplicita citazione dell’omonimo film dell’artista video Ali Kazma (Istanbul, 1971) e il proseguimento dell’indagine nel sotterraneo da parte di artisti che scavano nel reale esplorando le attività umane in relazione a intervalli e vuoti spazio-temporali.

Kazma è il protagonista dell’edizione con oltre 20 opere video compresa un’inedita produzione. L’artista, rappresentato a Milano dalla galleria Francesca Minini, dal 2002 è impegnato nella costruzione di un archivio video dedicato alla condizione umana. Nel 2017 iI centro espositivo Jeu de Paume di Parigi gli ha dedicato una mostra personale.

In dialogo con le opere video, le nuove produzioni scultoree in ceramica e porcellana degli artisti Diego Cibelli, vincitore dell’open call, Oli Bonzanigo e Caterina Morigi, realizzate durante la residenza artistica attivata quest’anno in collaborazione con l’Istituto a indirizzo raro della ceramica e della porcellana Giovanni Caselli, sede della prima Real Fabbrica della Porcellana, e il Museo di Capodimonte.

Nei giorni del festival sarà possibile partecipare a visite guidate, in italiano e in inglese, su prenotazione organizzate ogni 60 minuti e al workshop condotto dai Maestri ceramisti della Real Fabbrica di Capodimonte presso la Libreria Popolare, in via Tadino 18 a tre minuti dall’Albergo Diurno.

Il festival è realizzato con il sostegno del Comune di Milano, della Regione Lombardia e del FAI – Fondo Ambiente Italiano.










Albergo Diurno Venezia
L’Albergo Diurno Venezia è un edificio storico situato nel sottosuolo di Piazza Oberdan a Milano. Fondato nel 1926, per iniziativa privata, su progetto attribuito a Piero Portaluppi, svolgeva funzioni di centro polifunzionale di servizi al cittadino e al viaggiatore, in considerazione di una posizione strategica rispetto alla stazione ferroviaria e alle principali direttrici del traffico milanese tra metà Ottocento e Novecento. Frequentatissimo fino agli anni Ottanta del Novecento, da allora è stato progressivamente dismesso e ha chiuso nel 1994, tranne un ultimo esercizio, che ha resistito fino al 2006. Da allora è rimasto inutilizzato, nascosto alla cittadinanza e abbandonato ad un sensibile degrado, aggravato dalla particolare collocazione ipogea, fino al 2014, quando la Delegazione FAI di Milano ne ha chiesto al Comune di Milano l’apertura straordinaria in occasione dell’evento nazionale delle Giornate FAI di Primavera. Il successo dell’iniziativa ha spinto il FAI e il Comune ad intraprendere una collaborazione per il recupero dell’edificio in vista della sua definitiva riapertura al pubblico.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram