Mauro Maffezzoni - Pop al minimo 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MONOPOLI ​ Via Giovanni Ventura 6 Milano 20134

Milano - dal 23 gennaio al 2 marzo 2019

Mauro Maffezzoni - Pop al minimo

Mauro Maffezzoni - Pop al minimo

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MONOPOLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giovanni Ventura 6 (20134)
+39 0236593646 , +39 3335946896
info@galleriamonopoli.com
www.galleriamonopoli.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il minimo comun denominatore di tutti i suoi lavori è lo spirito “pop”, perché il mondo intero è sempre stato l’oggetto del suo studio. Oggi il mondo sembra alla portata di tutti grazie al web.
orario: da martedí a sabato ore 14-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 gennaio 2019. ore 18.30
autori: Mauro Maffezzoni
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In tutti questi anni Maffezzoni ha realizzato molti quadri, di tutti i tipi e dimensioni.
Durante gli anni '90 ha inventariato il mondo in 21 categorie (nature morte, paesaggi, ritratti, cover …), dal 2000, invece, ha continuato suddividendo il mondo in generi, sottogeneri e derivazioni varie.

Il minimo comun denominatore di tutti i suoi lavori è lo spirito “pop”, perché il mondo intero è sempre stato l’oggetto del suo studio. Oggi il mondo sembra alla portata di tutti grazie al web.
Spontaneità, casualità, perseveranza, ibridazioni e deviazioni di percorso sono le caratteristiche del lavoro di Maffezzoni.

Tutto questo universo, reso dal web e dalla tecnologia digitale pop, è oggetto del suo studio: Leonardo è pop, la merda di Piero Manzoni è pop, i siti porno sono pop, Maurizio Cattelan è pop, l’arte contemporanea è pop e così anche il minimalismo è pop. Ultimamente l'artista usa come titoli delle sue opere testi di canzoni, ad esempio frasi delle canzoni di Adam Ant, David Bowie, i Die Antword ecc.

I lavori esposti presso la Galleria Monopoli sono insoliti e in qualche modo minimal, ma anche ibridati dalla materia, sporcati di proposito dalle evidenti pennellate e dai contrasti di colore inusuali per i canoni dell’arte minimale. É come se si volesse rappresentare un'accumulazione delle esperienze vissute in precedenza.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram