Au pair: Infinito 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ Bologna 40121

Bologna - dal 2 al 10 marzo 2019

Au pair: Infinito

Au pair: Infinito
Giunone
Artista Stefania Ormas
 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(40121)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mostra che ha come tema la rappresentazione del femminile nell’arte contemporanea, la sua forza, la sua bellezza, la sua avvenenza, la sua essenza più profonda.
orario: 20 - 24
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 2 marzo 2019. h 19.30
curatori: Aldo Manzanares
autori: Dody Art, Bernardo Bandinelli, Mario Biancacci, Tino Cavagnoli, Dittz Centeno De Jesus, Cesare Garuti, Mariapaola Gatti, Tonia Gentile, Werther Germondari, Ludovica Lolito, Walter Lucchi, Aneta Malinowska, Giuseppe Molea, Stefania Ormas, Martina Santarsiero, Lidia Tangianu, Juan Tardivo, Biagio Testa, Luisa Valenzano, Viola Vistosu
note: Circolo arci la Staffa
Vicolo Fantuzzi 5a
40125 Bologna
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una mostra che ha come tema il femminile nell’arte contemporanea.
Dalla venere di Willendorf, la più antica espressione artistica riconosciuta, ai nostri giorni, la figura femminile ha avuto una universale fascinazione tra gli artisti e ha attraversato i secoli, i continenti, le correnti artistiche perché ogni donna è stata ed è espressione del bello.
Una bellezza funzionale, a seconda del periodo storico, a rappresentare ruoli specifici passando da icona della fertilità e della madre terra a martire, santa, peccatrice o divinità. L’arte contemporanea, anche a seguito dei grandi cambiamenti, che vedono la donna sempre più protagonista nella vita sociale, ha dovuto in qualche modo adeguarsi cercando di indagare maggiormente sulla essenza del femminile più che sull’estetica, pur non rinunciando a magnificarne ed esaltarne la bellezza.
L’universo femminile, per la sua vastità, non può essere racchiuso in un opera d’arte perché le donne non hanno confini ma l’arte può sicuramente contribuire affinché alle donne venga riconosciuta quella “parità” che ogni giorno devono conquistarsi nella vita reale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram