Surrealismi 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
19/03/2019
ARTOUR-O il MUST compie quindici anni e festeggia a Firenze, tra arte design e moda
19/03/2019
A Walk on the Wildside alla New York Public Library, con l'archivio di Lou Reed
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ARTSHARING LAB&GALLERY ​ via Giulio Tarra 64 Roma 00151

Roma - dal 14 al 20 marzo 2019

Surrealismi

Surrealismi
Katia Rossi, Robaccia
 [Vedi la foto originale]
ARTSHARING LAB&GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giulio Tarra 64 (00151)
+393389409180
artsharingroma@gmail.com
www.artsharingroma.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per il Mese della Fotografia, mostra organizzata in collaborazione con il CSF Adams per esplorare l'attualità del surrealismo come mezzo espressivo in fotografia.
orario: giorni feriali ore 15-21, sabato e domenica 10.30-13.00 e 15.00-21. Lunedì chiuso.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 marzo 2019. ore 18.00
curatori: Penelope Filacchione
autori: Luisa Briganti, Roberta Marsigli, Katia Rossi
genere: fotografia, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Surrealismi, al plurale, perché nulla è più individuale della realtà derivata dall’inconscio profondo ed espressa nella dimensione onirica.
E Surrealismi, al plurale, perché la molteplicità delle possibilità era ben presente anche nei fondatori ufficiali del movimento nel 1924: multiforme, archetipico e spiazzante, il Surrealismo non ha ancora esaurito la propria carica dirompente e la fotografia – ingannevolmente reale - resta il medium più adatto ad esprimerne il polimorfismo.
Una mostra con quattro artiste e una suggestiva installazione ispirata ai Rayogramme di Man Ray celebrerà questo artista che, nato pittore, approdò alla fotografia per caso e per necessità, per poi scoprirne lo straordinario potenziale espressivo. Attraverso il suo lavoro, nato in seno al Dadaismo, l'arte arrivò appunto ad evolversi nel Surrealismo come unica possibilità espressiva della varietà della percezione e del sentire umano.
Il 16 marzo dalle 17.00 alle 18.00 talk dedicato a ManRay e al suo volume autobiografico "Autoritratto", edito da SE.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram