Allan Kaprow - Words 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CONVERSO - CHIESA DI SAN PAOLO CONVERSO ​ Via Sant'eufemia Milano 20122

Milano - dal 6 aprile al 25 maggio 2019

Allan Kaprow - Words

Allan Kaprow - Words

 [Vedi la foto originale]
CONVERSO - CHIESA DI SAN PAOLO CONVERSO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Sant'Eufemia (20122)
info@converso.online
www.converso.online
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Opera partecipata e sensoriale con trascrizione di parole tratte da poesie, un testo recitato da Kaprow e lampadine rosse e bianche che si accendono e si spengono ritmicamente
orario: Thursday - Saturday 11am - 7pm
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 aprile 2019. h 12
autori: Allan Kaprow
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
"Si presuppone che nello spettacolo teatrale il medium assoluto sia la parola. Capita spesso che anche gli Happening siano caratterizzati dall’uso delle parole, che tuttavia non necessariamente conservano un senso letterale.
Se le parole hanno senso, il loro significato non rientra nella categoria degli elementi non verbali (rumori, elementi visivi, azione)… Se invece non hanno senso, perdono il loro significato e diventano puro suono."

Allan Kaprow, "Happenings in the New York Scene" (1961)

È il 1962 quando Allan Kaprow organizza Words per la prima volta presso la Smolin Gallery di New York. Questo Environment, un’opera partecipata multi sensoriale, si snoda in due sale. Trascritte su carta o stampinate su drappi in tessuto, parole tratte da poesie, giornali, fumetti ed elenchi telefonici coprono i muri della prima stanza. I partecipanti vengono incoraggiati a rivisitare queste parole e aggiungerne altre scrivendole su pezzi di carta. Tre registrazioni riproducono un testo recitato da Kaprow, mentre lampadine rosse e bianche si accendono e si spengono ritmicamente. Anche le pareti della seconda stanza sono coperte di parole. Qui i partecipanti usano gessetti colorati appesi al soffitto per decorare i muri con immagini e messaggi. I visitatori possono anche scrivere su fogli fissati con fermagli a lenzuola appese al soffitto. Un fonografo sul pavimento riproduce sussurri appena udibili.

Alexander May e Zoe Stillpass reinterpretano Words per CONVERSO chiedendo a 100 artisti, scrittori e curatori di contribuire con una lista di 100 parole ciascuno. Queste liste, queste frasi e questi passaggi verranno rielaborati da un’intelligenza artificiale che li modificherà e ricombinerà costantemente. Il network neurale ricorrente dell’AI imparerà a generare testi attraverso la ricostruzione di frasi e l’invenzione di nuove parole. La voce, diffusa nello spazio, reciterà un testo in continua evoluzione. Pannelli bianchi copriranno il pavimento della chiesa e i visitatori potranno scriverci sopra, probabilmente influenzati dalle parole recitate dall’AI. Questi supporti verranno progressivamente rimossi, impilati e rimpiazzati con nuove superfici pulite man mano che le parole satureranno lo spazio. L’interazione di persone, cose, immagini, suoni, linguaggio umano e di programmazione darà così vita a una poesia polifonica.

Quale nuovo linguaggio può emergere quando l’autorità della struttura linguistica umana collassa e le parole perdono il loro senso originario?

Words è stato prodotto in collaborazione con l'Allan Kaprow Estate e Hauser & Wirth.
Con un intervento grafico speciale di Allen Ruppersberg.

••

Alla fine degli anni Cinquanta il pittore americano Allan Kaprow (b. 1927, Atlantic City – d. 2006, Encinitas) comincia a osservare l’azione nell’Action Painting in quanto componente fondamentale della pittura stessa. Con l’opera del 1959 18 Happenings in 6 parts, una serie di attività apparentemente casuali ma accuratamente coreografate, eseguite in collaborazione con John Cage e Robet Rauschemberg, Kaprow si dedica a una carriera costellata da opere temporanee, site-specific e intellettualmente rigorose che sfidano la commoditizzazione e che in ultima istanza hanno dato vita alla performance e all’installation art. Inventore di Happening ed Environment, Kaprow incorpora elegantemente l’improvvisazione e la partecipazione del pubblico nel contesto tradizionale del museo e della galleria, superandoli.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram