Art is Now 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA 360 ​ Il Prato 11r Firenze 50123

Firenze - dal 3 al 27 maggio 2019

Art is Now

Art is Now

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA 360
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Il Prato 11r (50123)
+ 39 055 2399570
info@galleria360.it
www.galleria360.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

“Art is Now” è una mostra d’arte contemporanea di artisti stranieri, le cui opere sono connesse al presente, “all’oggi”, ma al tempo stesso vanno “oltre” quell’hic et nunc poiché sono in grado di aprire gli occhi della mente e del cuore e di sospingerci verso l’alto.
orario: da Lunedì a Venerdì compresi dalle 10:00 -13:00 e dalle 15.00-19.00. Sabato e Domenica chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 maggio 2019. ore 19.00
curatori: Angela Fagu
autori: Chico Cristobal, Otilia Goodhind, Judith Stone, Charles Wilcox
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Nessuno può spiegare come le note di una melodia di Mozart, o le pieghe di un panneggio di Tiziano, producano i loro effetti essenziali. Se non lo senti, nessuno può fartelo sentire col ragionamento.” (John Ruskin)

Secondo Plotino, filosofo neo-platonico vissuto nel III secolo d.c., l’opera d’arte coincide con “l’idea”; è cioè l’immagine perfetta che l’artista ha in sé e sulla quale fonda poi il suo lavoro. La bellezza quindi risiederebbe nell’archetipo, non nella forma esteriore. Benedetto Croce riprende il concetto di opera d’arte neoplatonico e lo estremizza. Per il filosofo italiano l’arte è pura intuizione e l’opera d’arte corrisponde all’immagine “interiore dell’artista”, in quanto espressione pura del genio. Secondo Walter Benjamin, filosofo tedesco del Novecento, ciò che contraddistingue un’opera d’arte è invece il suo “hic et nunc”, un qui ed ora, che si afferma in un particolare intreccio spazio-temporale e che costituisce i caratteri di unicità, autenticità e autorità di ogni creazione artistica. Sempre secondo il filosofo tedesco la nascita delle nuove tecniche di riproduzione (ed in particolar modo della fotografia) avrebbe però privato l’opera d’arte della sua “aura”.
Oggi, la Gioconda stampata su un foulard, la Primavera di Botticelli su una tazza, i famosi “dripping” di Pollock che decorano delle magliette sembrerebbero dar ragione ai vaticini di Walter Benjamin. La riproducibilità dell’opera d’arte ha dunque veramente causato la perdita irrimediabile dell’aura, ovvero del «qui e ora» magico e unico che si fonde con la creazione artistica contraddistinguendola?
Nell’ Ars Poetica, Orazio afferma che la poesia doveva essere intesa come veicolo di conoscenza e al tempo stesso doveva essere in grado di suscitare emozioni, di commuovere: il poeta aveva infatti il compito di mostrare al pubblico le passioni che intendeva trasmettere. Effettivamente, ciò che distingue l’opera d’arte originale dalla sua riproduzione è proprio il fatto di scaturire da una emozione e al tempo stesso di “emovere”, ovvero “smuovere” un sentimento. Quindi, sebbene l’avvento delle tecniche di riproduzione abbiano intaccato il concetto di “unicità spazio-temporale” di un’opera, non viene assolutamente meno il presupposto di qualsiasi esperienza estetica necessaria per “vivere” l’opera: ovvero l’emozione.
“Art is Now” è dunque una mostra d’arte contemporanea di artisti stranieri, le cui opere sono connesse al presente, “all’oggi”, ma al tempo stesso vanno “oltre” quell’hic et nunc poiché sono in grado di aprire gli occhi della mente e del cuore e di sospingerci verso l’alto. Del resto, “l’arte è capace di esprimere e rendere visibile il bisogno dell’uomo di andare oltre ciò che si vede, manifesta la sete e la ricerca dell’infinito. Anzi, è come una porta aperta verso l’infinito, verso una bellezza e una verità che vanno al di là del quotidiano.” ( Papa Benedetto XVI ).
L’Inaugurazione avrà luogo Venerdì 3 Maggio 2019, alle ore 19.00, in via il Prato 11r, Firenze. Durante la serata sarà offerto un cocktail di benvenuto mentre musicisti jazz suoneranno dal vivo, creando un felice connubio tra Arte e Musica.

Virginia Bazzechi Ganucci Cancellieri
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram