Andreas Waldmeier – In-Between 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva KROMYA ART GALLERY ​ Viale Stefano Franscini 11 Lugano 6900

Lugano - dal 22 maggio al 2 agosto 2019

Andreas Waldmeier – In-Between

Andreas Waldmeier – In-Between

 [Vedi la foto originale]
KROMYA ART GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Stefano Franscini 11 (6900)
+41 919227000
info@kromyartgallery.com
www.kromyartgallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con la mostra di Andreas Waldmeier, Kromya Art Gallery inaugura la propria sezione dedicata a giovani artisti emergenti e denominata YOUNG. Waldmeier (Richterswil, 1982) porta a Lugano un progetto site-specific ideato appositamente per Kromya Art Gallery con un gruppo di nuove opere.
orario: Da lunedì a venerdì ore 10-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 22 maggio 2019. h 18.30
autori: Andreas Waldmeier
genere: arte contemporanea, giovane arte, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Con la mostra di Andreas Waldmeier, Kromya Art Gallery inaugura la propria sezione dedicata a giovani artisti emergenti e denominata •YOUNG

Waldmeier (Richterswil, 1982), formatosi presso l’Università delle Arti di Zurigo, porta a Lugano un progetto site-specific ideato appositamente per Kromya Art Gallery con un gruppo di nuove opere.
Per Waldmeier la relazione dei suoi lavori con l’ambiente in cui si trovano è fondamentale. I progetti vengono dapprima abbozzati virtualmente e poi eseguiti sulla tela, decidendo passo dopo passo limitazioni di forme, colori ed ordine. Egli, creando per questa esposizione un percorso predefinito, conferma l’importanza che fornisce alla sua potenza pittorica di interagire con le pareti stesse della galleria e di attrarre il visitatore. Quest’ultimo è trasportato in un viaggio che spazia da tele di grandi dimensioni a pareti dipinte, da sculture astratte a piccoli quadri divisi che producono una realtà propria dell’autore. Il progetto diventa un’espressione totale della sua pittura, che si qualifica con la partecipazione dello spettatore; Waldmeier considera lo spazio parte integrante della sua visione, innalzando o annullando la parete tramite segni e pittura. Il visitatore entra fisicamente in un universo pittorico complessivo.
Waldmeier descrive la sua pittura come linguistica, cioè come mezzo espressivo. Per lui la stessa è una specie di studio delle possibilità e dei loro limiti.
Spesso la suddivisione tra due riquadri porta ad un dialogo tra elementi contrapposti accomunati da un gesto pittorico veloce e deciso. Ciò si traduce in complesse configurazioni di immagini, forme, figure, frammenti di un racconto o di una tradizione pittorica che forniscono solo un’idea del complesso mondo dell’artista.
Ogni opera è da considerare come evento singolare, a cui la visione del visitatore cerca di dare un senso tramite un processo di scoperta; l’occhio vaga sulla superficie pittorica, pensando di essere in grado di identificare e di nominare qualcosa, ma non riuscirà a trovarne il significato essendo all’interno di un’opera d’arte totale. Si mostrano a noi creazioni enigmatiche e impenetrabili, un luogo, un in-between in cui si è sospesi tra la ricerca di significato e il significato stesso.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram