Musical Fragments - II Edizione 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALA MESSINA - EX PESCHERIA ​ Via Calderai 52 Giarre 95014

Giarre (CT) - dal 24 maggio al 2 giugno 2019

Musical Fragments - II Edizione

Musical Fragments - II Edizione
Ph. by Yssi Photography
 [Vedi la foto originale]
SALA MESSINA - EX PESCHERIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Calderai 52 (95014)
+39 3204868376
artisti_italiani@libero.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra racchiude “frammenti” di vita evocati attraverso la musica ed invita l’osservatore a ricordare con quelle note, esperienze passate, ripercorrendo un viaggio dentro la propria interiorità.
orario: Tutti i giorni H. 16:30-19:00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 24 maggio 2019. h 11
curatori: Benedetta Spagnuolo
autori: Pinuccia Alì, Giusy Burdi, Lorella Cerquetti, Yssi Chen, Arcangela Di Fede, Chiara Guidotto, Michela Menon, Valerio Murri, Federico Pisciotta, Cettina Tiralosi, Alfredo Torsello, Rosetta Tronconi
patrocini: Comune di Giarre - Assessorato Turismo, Spettacolo e Cultura
note: Organizzazione: ARTISTI ITALIANI - arti visive e promozione
Media Partner: Edizioni Lapis-Segnali di Suoni & Visioni in Sicilia
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
A quasi 10 anni dalla sua prima uscita, inaugura venerdì 24 Maggio alle ore 11:00 a.m. in Sala Messina (Ex pescheria di Giarre-CT) la II Edizione della Collettiva d’arte contemporanea “Musical Fragments” organizzata da “Artisti Italiani” e a cura di Benedetta Spagnuolo. La mostra ad ingresso libero è visitabile fino al 2 Giugno 2019.
Anche in questa edizione, artisti da tutta Italia propongono “strofe” di una canzone riflesse su opere d’arte visive, testi e note che li hanno ispirati durante il proprio percorso artistico ed esistenziale. La mostra racchiude “frammenti” di vita evocati attraverso la musica ed invita l’osservatore a ricordare con quelle note, esperienze passate, ripercorrendo un viaggio dentro la propria interiorità.

La musica da sempre ha un ruolo fondamentale nel nostro quotidiano e ha sempre influenzato la nostra vita, e questo lo fa anche nell’arte contemporanea.
L’artista durante l’esecuzione del suo lavoro entra spesso in uno stato di “trance” (in senso figurativo) dove l’esaltazione o l’estasi viene causata, non solo da remote sensazioni interne del proprio vissuto, ma anche da stimoli esterni, in questo caso dalla musica.
“Nella trance ci si trova assorbiti in uno stato contemplativo e ipnotico connotato da un’alta focalizzazione dell’attenzione verso gli stati interni e una consapevolezza diminuita dell’ambiente circostante.”
Si può pensare alla trance anche come fenomeno «parossistico» dell’esperienza musicale. In questo processo l’artista mostra il proprio stato d’animo nel momento in cui, durante l’esecuzione tecnica, la parte visiva ha incontrato quella uditiva; più che presentare immagini, forme e colori, vuole ostentare senza paura, l’istante in cui lo stato di coscienza è stata alterato. L’elemento musicale diventa quindi uno tra i tanti e fondamentali fattori legati al contesto che causerebbe lo scatenamento della trance durante la realizzazione della sua opera.
Questa mostra di opere visive, fotografie, installazioni, pitture e grafiche, è un tassello essenziale per la narrazione dell’IO dell’artista che si rifletterà nella fruizione del visitatore, dove ogni opera “canta” attraverso la forma e la materia, urlando al mondo che l’eclettismo ormai è uno degli ingredienti essenziali dell’Arte Contemporanea.

La sede di “Sala Messina” gioca in questo caso un ruolo complementare nell’esposizione, perché fiore all’occhiello nel territorio etneo è l’unica pescheria nel territorio circostante ad essere stata rivalutata adesso come sede espositiva. In un dialogo inevitabilmente collegato alla contemporaneità più attuale, le opere e l’architettura sono opposti e allo stesso tempo coincidenti, come pelle e scheletro, come centro e periferia.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram