Petros Vrellis - Non perdiamo il filo #2 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DEL RICAMO E DEL TESSILE - PALAZZO COMUNALE ​ Valtopina 06030

Valtopina (PG) - dal 16 giugno al 15 settembre 2019

Petros Vrellis - Non perdiamo il filo #2

Petros Vrellis - Non perdiamo il filo #2

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DEL RICAMO E DEL TESSILE - PALAZZO COMUNALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(06030)
+39 074274625
info@comune.valtopina.pg.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

5 opere dell'artista greco esposte per la prima volta in Umbria.
orario: Mercoledì e sabato 16-18,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 giugno 2019. ore 14
curatori: Adelinda Allegretti
autori: Petros Vrellis
patrocini: Comune di Valtopina
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Petros Vrellis è nato in Grecia nel 1974. Ha conseguito un MEng in Ingegneria Elettrica e un Master in Scienze dell’Arte. Il suo ultimo progetto costituisce un’affascinante rivisitazione del tradizionale lavoro a maglia. Col semplice utilizzo di un telaio circolare in alluminio ed un singolo filo, dà vita a ritratti in cui l’accuratezza fisiognomica non ha nulla da invidiare al disegno tradizionale. Nello specifico, nei lavori selezionati per questa mostra, si confronta col Maestro per eccellenza della sua terra, El Greco, vissuto a ca- vallo tra il ‘500 e il ‘600. Tirando il filo da un punto ad un altro ottiene un perfetto gioco di chiaroscuri: l’effeto dell’ombra aumenta via via che la trama si ispessisce, mentre l’incarnato è reso dalla distanza e rarefazione dell’intreccio, in una straordinaria tavolozza in scala di grigi.
Il lavoro viene effettuato manualmente, ma Petros segue passo passo le istruzioni dettate dal computer, uti- lizzando un modello sviluppato da un algoritmo generato elettronicamente. Sono necessari oltre due miliardi di calcoli per la produzione di ogni modello.
Petros è rappresentato in esclusiva per l’Italia da Adelinda Allegretti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram