Ritratto di famiglia 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LA GALLERIA NAZIONALE ​ Viale Delle Belle Arti 131 Roma 00196

Roma - dal 17 giugno al 29 settembre 2019

Ritratto di famiglia

Ritratto di famiglia

 [Vedi la foto originale]
LA GALLERIA NAZIONALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Delle Belle Arti 131 (00196)
+39 06322981
gan-amc.uffstampa@beniculturali.it
lagallerianazionale.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, attraverso gli obiettivi attenti dei fotografi coinvolti, intreccia memorie e suggestioni guidando a una lettura trasversale della Galleria e della sua storia. Un intarsio di esperienze, una “questione di sguardi”, per citare John Berger, una sorta di slideshow dove ciascuno diventa protagonista della propria narrazione
orario: dal martedì alla domenica: 8.30 – 19.30 ultimo ingresso 45 minuti prima della chiusura
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero: € 10,00
ridotto: € 2,00
vernissage: 17 giugno 2019. h 19
curatori: Claudia Palma, Alessia Tobia
autori: Roberto Bossaglia, Roberto Cotroneo, Serge Domingie, Fernando Guerra, Inga Knölke, Marina Malabotti, Alberto Muciaccia, Paolo Mussat Sartor, Anton Giulio Onofri, Mattia Panunzio, Silvio Scafoletti, Massimo Siragusa
note: conferenza stampa lunedì 17 giugno 2019 ore 12, Sala delle Colonne
genere: documentaria, fotografia, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Ritratto di famiglia è un racconto corale che, in un percorso di oltre 100 fotografie e una selezione
di opere, restituisce al visitatore una storia per immagini della Galleria Nazionale d’Arte Moderna
e Contemporanea. Un racconto sfaccettato, non stereotipato, a volte intimo, come quello di chi
ritrae un luogo d’affezione.
La mostra, attraverso gli obiettivi attenti dei fotografi coinvolti, intreccia memorie e suggestioni
guidando a una lettura trasversale della Galleria e della sua storia. Un intarsio di esperienze, una
“questione di sguardi”, per citare John Berger, una sorta di slideshow dove ciascuno diventa
protagonista della propria narrazione.
L’eloquenza di Time is Out of Joint si rintraccia negli scatti asciutti e precisi di Inga Knölke, in quelli
di Serge Domingie, dove l’approccio documentaristico stempera l’effetto di détournement generato
da Joint is Out of Time; nelle attese di Roberto Cotroneo, nei volti e nelle inquadrature di Anton
Giulio Onofri, nella dinamicità di Massimo Siragusa, i cui dittici e trittici si muovono in sequenza
come frame cinematografici. Le fotografie di Fernando Guerra, grazie alla profondità di campo e
alla leggera sovraesposizione, restituiscono con forza la potenza della luce, la magniloquenza
dell’edificio bazzanesco e l’essenzialità delle sue forme, evidenti nell’ allestimento storico di Ugo
Fleres che Giuseppe Micali rievoca nelle sue vedute d’interno del 1932. Il lavoro di Mattia
Panunzio, che traccia lo spazio del “retroscena” attraverso una documentazione quasi da
reportage, si riallaccia al progetto del 1981 di Marina Malabotti, riproposto nell’originalità di un
lavoro in situ e ante litteram.
Altrettanto incisivi sono gli scatti in bianco e nero di Paolo Mussat Sartor, che catturano atmosfere
sospese nel tempo, e quelli di Roberto Bossaglia e di Alberto Muciaccia, con i loro scorci pensati
come intarsi di forme e giochi di luce.

Completano la mostra le immagini legate agli allestimenti storici. L’allestimento del 1915 di Ugo
Fleres, quello del 1938 voluto da Roberto Papini, i tre riordini che hanno caratterizzato la lunga
direzione di Palma Bucarelli (nel 1950, nel 1966 per la sezione che riguardava le collezioni dell’800
ad opera di Dario Durbè e nel 1968 per la sezione delle collezioni del ‘900 realizzata da Giorgio de
Marchis), il riordinamento delle collezioni del primo novecento fatto da Bruno Mantura durante la
direzione di Eraldo Gaudioso nel 1987 e, per concludere, il riallestimento di tutte le collezioni voluto da Bianca Alessandra Pinto tra il 1997 ed il 1999 e quello di Maria Vittoria Marini Clarelli nel 2011
fotografati da Silvio Scafoletti.
Ritratto di famiglia, anagramma di istanti vissuti, è una raccolta di suggestioni e di riverberi emotivi
che testimoniano, ancora una volta, la dinamicità di uno straordinario dispositivo come quello della
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram