Luigi Boille - Luoghi di luce, scrittura del silenzio. Opere 1958 - 2015 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASINO DEI PRINCIPI - VILLA TORLONIA ​ Via Nomentana 70 Roma 00161

Roma - dal 20 giugno al 3 novembre 2019

Luigi Boille - Luoghi di luce, scrittura del silenzio. Opere 1958 - 2015

Luigi Boille - Luoghi di luce, scrittura del silenzio. Opere 1958 - 2015

 [Vedi la foto originale]
CASINO DEI PRINCIPI - VILLA TORLONIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nomentana 70 (00161)
villeparchistorici@comune.roma.it
www.museivillatorlonia.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con più di ottanta opere che illustrano il percorso artistico di Boille dal 1958 fino al 2015, la mostra aperta al pubblico dal 21 giugno al 3 novembre 2019, è la prima grande antologica che Roma dedica all’artista dopo la sua scomparsa avvenuta nel 2015
orario: da martedì a domenica ore 9.00 - 19.00. La biglietteria chiude sempre 45' prima
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 20 giugno 2019. ore 18
curatori: Bruno Aller, Claudia Terenzi
autori: Luigi Boille
note: Anteprima stampa giovedì 20 giugno 2019, ore 11.30
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra, curata da Claudia Terenzi e Bruno Aller, con il sostegno dell’Archivio Luigi Boille presenta una panoramica di più di ottanta opere che raccontano il percorso artistico del Maestro dal 1958 al 2015.

Si parte dal piano terra con le opere della fine degli anni ‘50, sia quelle più direttamente segniche, sia quelle dove il colore si espande creando forti tensioni tra zone d’ombra e zone dominate dal colore; poi una serie di bellissime opere su carta dal 1958 al 2015; quindi una sala con dipinti dal 1964 al 1966, anni della mostra al Guggenheim Museum, 1964 (con Fontana, Capogrossi e Castellani), e una che riporta alle 5 grandi opere esposte alla Biennale di Venezia, 1966.

Al piano superiore, una sala dedicata al giallo, colore spesso utilizzato dall’artista, in cui vibrazioni e segni sottili rendono ancora più intensa la luminosità. Poi le opere degli anni ’70/’80 dove il segno si intensifica su una vasta gamma di colori, un segno sottile, quasi rarefatto in un continuum che invade la tela senza limiti, e contemporaneamente le centralità e le tracce di luce, in cui il segno emerge in rilievo come materia. Infine, anni 1992- 2015, la ricerca di equilibrio compositivo e raffinamento pittorico degli ultimi decenni, il segno rarefatto in uno spazio indeterminato che vibra su un colore di fondo, un segno che è una grafia, una scrittura surreale che è stata accostata alla filosofia zen.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram