Julian Opie al Portico d'Ottavia 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VALENTINA BONOMO ARTECONTEMPORANEA ​ Via Del Portico D'ottavia 13 Roma 00186

Roma - dal 4 maggio al 15 luglio 2005

Julian Opie al Portico d'Ottavia
[leggi la recensione]

Julian Opie al Portico d'Ottavia
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
VALENTINA BONOMO ARTECONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Portico D'Ottavia 13 (00186)
+39 066832766
info@galleriabonomo.com
www.galleriabonomo.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’artista inglese (Londra, 1958) arriva all’essenza digitale della forma attraverso un processo di minimizzazione del segno
orario: lun-sab 15,30-19,30 o per appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 4 maggio 2005. ore 19
autori: Julian Opie
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Mercoledì 4 maggio, in via del Portico d’Ottavia 13 a Roma, Valentina Bonomo Arte Contemporanea inaugura un nuovo progetto di Julian Opie.

L’artista inglese (Londra, 1958) arriva all’essenza digitale della forma attraverso un processo di minimizzazione del segno. Nei suoi ritratti gli occhi diventano dei puntini, le teste dei cerchi, i corpi sono resi attraverso linee sinuose in cui si riconosce la postura caratteristica della modella.

Definite “icone moderne” di una realtà generica e generalizzata, le opere di Opie pongono alla ribalta problemi legati alla “psicologia della percezione e alla pratica della conoscenza” approfondendo l’ambiguo rapporto tra la realtà e il suo feticcio. Reso con la tecnologia digitale, il mondo di Opie è in effetti una meditazione sul gioco complesso fra la natura e l’artificio, il segno e la realtà osservata e sperimentata.

La mostra di via del Portico d’Ottavia è concentrata sul tema del ritratto e della figura realizzata nelle diverse tecniche: dall’animazione in digitale alla scultura costituita da semplici lastre di pietra incise a bassorilievo. Si tratta di opere che -seppur stilizzate- non perdono in espressività né in peculiarità, la cui freschezza è esaltata anche dall’estrema immediatezza con cui si offrono allo spettatore.

L’artista esordisce all’inizio degli anni Ottanta dopo aver frequentato la Goldsmith’s School of Art. Dal 1983, anno della sua prima personale alla Lisson Gallery di Londra, inizia un’intensa attività espositiva. Le sue opere fanno parte delle collezioni dei maggiori musei d’arte contemporanea del mondo, tra cui la Tate Modern di Londra.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram