Territoria. Arte dall'Olanda 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI ​ Viale Della Repubblica 277 Prato 59100

Prato - dal 12 giugno al 18 settembre 2005

Territoria. Arte dall'Olanda

Territoria. Arte dall'Olanda
Thom Puckey
Machinegunneress, 2002
Foto: Andrea Abati
Collezione Gruppo Tintoriale S.p.A., Prato
 [Vedi la foto originale]
CENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Della Repubblica 277 (59100)
+39 05745317 , +39 0574531901 (fax)
info@centropecci.it
www.centropecci.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

un'occasione unica per conoscere uno spaccato dell'arte contemporanea olandese e scoprire le antiche fabbriche tessili che hanno fatto la storia della città e del suo territorio
orario: da lunedì a venerdì 11.00-18.00; chiuso sabato domenica e festivi. Altre sedi espositive: giovedì, venerdì, domenica: 16.00 - 20.00; sabato 16.00 - 22.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 12 giugno 2005.
editore: GLI ORI
autori: Karin Arink, Gijs Assmann, Tom Claassen, Martha Colburn, Armen Eloyan, Gijs Frieling, Rosemin Hendriks, JCJ Vanderheyden, Natasja Kensmil, Job Koelewijn, John Körmeling, Mariëtte Linders, Rik Meijers, Thom Puckey, Dieuwke Spaans, Elisabet Stienstra, Johan van der Keuken, Ger van Elk, Henk Visch
note: anche presso: Gruppo Tintoriale, Prato
La Cartaia, Vaiano
Villa Il Mulinaccio, Vaiano
Ex stabilimento Giachini, Cantagallo
Ex stabilimento Peyron, Vernio
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Le strutture produttive, che furono costruite a partire dalla seconda metà dell'Ottocento fino alla Seconda guerra mondiale, costituiscono, infatti, una testimonianza storica dell'operosità e dello sviluppo economico dell'intera provincia. Questi edifici, che oggi in parte sono stati distrutti e rischiano di scomparire definitivamente, sono diventati potenziali aree di ristrutturazione e riqualificazione urbana. Proprio con questa motivazione si è deciso di portare anche a Prato e nella Val di Bisenzio l'esempio olandese, i Paesi Bassi, infatti, hanno sviluppato già da anni una politica di valorizzazione e diffusione dell'arte sul territorio. Il percorso si snoda a partire dal Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato dove saranno presentate due installazioni: all'interno della struttura museale un montaggio di sequenze tratte dai film di Johan van der Keuken dal titolo Time/Work introduce al tema del lavoro, nel giardino esterno, invece, un sorprendente "cinema" di Job Koelewijn ci accompagna idealmente alla "visione" del territorio e dell'intera mostra. Il secondo luogo coinvolto nella città di Prato sarà la pista ciclopedonale ne pressi del ponte Datini dove verrà posta la grande scultura in bronzo commissionata a Gijs Assmann per l'occasione e che rimarrà permanentemente a completamento del progetto.
L'opera, di forte realismo, è legata alla tematica della memoria e della Vanitas discendente dall'arte olandese del XVII secolo. Da qui prenderà avvio un dialogo ancora più forte tra arte, natura e industria: quello che si articolerà lungo tutta la Val di Bisenzio. A partire dal complesso industriale del Gruppo Tintoriale S.p.A., dove sono collocate in permanenza sculture di Elisabet Stienstra e Thom Puckey, passando per la Cartaia nel comune di Vaiano, dove saranno presentati i lavori di Karin Arink, Gijs Assmann, Martha Colburn, Armen Eloyan, Gijs Frieling, Rosemin Hendriks, Natasja Kensmil, Mariette Linders, Rik Meijers, Thom Puckey, Dieuwke Spaans, Elisabet Stienstra, tutti unificati dal forte carattere espressivo e dalle grandi dimensioni delle immagini.
Le opere verranno disposte nel suggestivo "stanzone" colonnato de La Cartaia in modo tale da suggerire confini, strade, passaggi o barriere. I due artisti più noti a livello internazionale, JCJ Vanderheyden e Ger Van Elk, esporranno invece al Mulinaccio, sede dell'omonima villa padronale. Il complesso industriale Giachini (ex Romei) posto a nord di Carmignanello nel Comune di Cantagallo è la penultima tappa della mostra; in questo luogo dismesso, di prossima riqualificazione d'uso, i film di animazione di Martha Colburn, l'ultimo dei quali presentato quest'anno nella sezione "nuovi registi" al Festival di Cannes sono accostati ad una minuziosa composizione floreale espressamente dipinta a parete da Gijs Frieling e ad una serie di monumentali sculture in poliestere bianco di Tom Claasen. Queste ultime, realizzate appositamente per l'occasione, si collegano ad un altro lavoro creato da Classen all'interno della Riserva naturale dell'Acquerino Cantagallo dove fantomatiche figure antropomorfe, composte montando pezzi di tronchi giacciono presso un faggio plurisecolare.
Infine nello storico Lanificio Val Bisenzio (ex Peyron) in località Molin Novo nel comune di Vernio le grandi opere in bronzo di Henk Visch e le installazioni ambientali di Karin Arink, Job Koelewijn, e John Körmeling si appropriano, quasi interamente, del primo piano della fabbrica instaurando un dialogo con le attività produttive che ancora oggi vi vengono svolte.


In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo con testi critici di Raffaele Gavarro e Alex de Vries edito da Gli Ori, Prato ed inoltre saranno organizzati concerto di Misha Mengelberg & Han Bennink, che si terrà il 23 giugno alle 21.30 nel teatro all'aperto del Centro Pecci per la rassegna "Prato Estate", ed un convegno promosso da TRA ART-rete regionale per l'arte contemporanea ad Officina Giovani (Ex Macelli di Prato).

Artisti invitati:
Karin Arink, Gijs Assmann, Tom Claassen, Martha Colburn, Armen Eloyan, Gijs Frieling, Rosemin Hendriks, Natasja Kensmil, Job Koelewijn, John Körmeling, Mariëtte Linders, Rik Meijers, Thom Puckey, Dieuwke Spaans, Elisabet Stienstra, Johan van der Keuken, Ger van Elk, JCJ Vanderheyden, Henk Visch.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram