Ceramiche Rometti (1927-1944) 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ROCCA ​ Piazza Braccio Fortebraccio Umbertide 06019

Umbertide (PG) - dal 25 giugno al 6 novembre 2005

Ceramiche Rometti (1927-1944)

Ceramiche Rometti (1927-1944)

 [Vedi la foto originale]
ROCCA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Braccio Fortebraccio (06019)
+39 0759413691 , +39 0759417099
marisa.pazzaglia@iat.cittadicastello.it
www.comune.umbertide.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nell’originale allestimento di Alberto Venturelli vengono esposte 92 ceramiche, in gran parte inedite, che attraverso un percorso cronologico consentono di ricostruire gli anni in cui l’arte decorativa della cittadina umbra si è imposta a livello internazionale (1927-1944)
orario: 10-12 e 16-19, chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 giugno 2005. ore 18
editore: SKIRA
curatori: Marinella Caputo, Enrico Mascelloni
genere: collettiva, arti decorative e industriali

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 25 giugno al 14 Novembre 2005, la Rocca di Umbertide-Centro per l’Arte Contemporanea (Umbertide – Perugia) ospita una mostra, curata da Enrico Mascelloni e Marinella Caputo dedicata alla prestigiosa manifattura delle Ceramiche Rometti (1927-1944). L’esposizione è promossa dal Comune di Umbertide in collaborazione con la Regione Umbria e la Camera di Commercio, Industria e Artigianato di Perugia.



Nell’originale allestimento di Alberto Venturelli vengono esposte 92 ceramiche, in gran parte inedite, che attraverso un percorso cronologico consentono di ricostruire gli anni in cui l’arte decorativa della cittadina umbra si è imposta a livello internazionale (1927-1944).

Le ricerche intraprese in occasione della mostra hanno permesso di risalire alle circostanze curiose che portano nel 1927 Settimio Rometti, eclettico artista umbertidese, a fondare la fabbrica delle Ceramiche Rometti, diventata ben presto uno dei più interessanti laboratori della ceramica moderna.

Le prestigiose collaborazioni hanno da sempre caratterizzato l’attività della manifattura. Negli anni ’30 il contributo di Corrado Cagli e di Dante Balzelli introduce nuova linfa alle figurazioni ceramiche affrancandole dalle tipologie neorinascimentali e tardo liberty che in gran parte ancora caratterizzavano la ceramica italiana dell’epoca. Il poliedrico talento di Leoncillo, a partire dal ’39 e durante gli anni della guerra, chiude la fase propriamente “storica” della manifattura umbra.

L’esposizione si arricchisce infine di una selezione di sei opere degli anni ’60 a testimonianza della qualità della produzione Rometti, ancora oggi attiva e fiorente.

Come osserva Enrico Mascelloni: “Polarizzata tra un’art decò elegante e raffinata ed un impulso primitivista carico di spigolosità ideologiche, le ceramiche Rometti sono da tempo al centro dell’attenzione del collezionismo europeo e della storiografia sull’argomento”.



L’esposizione è corredata da un ampio catalogo, pubblicato per i “Tipi Skira”, che comprende un testo introduttivo di Enrico Mascelloni, la riproduzione di tutte le opere in mostra e un ampio regesto cronologico di Marinella Caputo, con documenti inediti e numerose foto d’epoca.

Il catalogo approfondisce e completa le ricerche condotte nel 1986 in occasione della mostra e della pubblicazione “Cagli e Leoncillo alle Ceramiche Rometti”.

L’iniziativa anticipa la prossima apertura di un Museo delle Ceramiche Rometti, che comprenderà alcune opere già acquisite dal Comune di Umbertide, la ricca collezione di Dino Finocchi, attuale proprietario della manifattura, le opere di altri collezionisti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram