Realismo esistenziale 1954-1964 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
12/11/2018
Al via i lavori della nuova Commissione per il Design promossa dal Mibac
12/11/2018
In ricordo di Milton Gendel. l'American Academy in Rome omaggia il fotografo statunitense
12/11/2018
Il manuale di calligrafia del XVI secolo di Georg Bocskay è ora disponibile online grazie al Getty Museum
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO CIVICO FLORIANO BODINI ​ Via Marsala 11 Gemonio 21036

Gemonio (VA) - dal 3 luglio al 4 dicembre 2005

Realismo esistenziale 1954-1964

Realismo esistenziale 1954-1964
Giuseppe Guerreschi Hilda Lobauer 1957 olio su tela cm 100x100
 [Vedi la foto originale]
MUSEO CIVICO FLORIANO BODINI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Marsala 11 (21036)
+39 0332604276 , +39 0332604012 (fax)
info@comune.gemonio.va.it
www.amicimuseobodini.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

42 opere - dipinti e sculture -, sei per ciascuno dei sette protagonisti di questo movimento
orario: da martedì a giovedì 15.00 - 18.30. Venerdì, sabato e domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30 (Chiuso il lunedì)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero 4,00 euro - ridotto 2,00 euro
vernissage: 3 luglio 2005.
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: CLP
curatori: Flavio Arensi, Daniele Astrologo Abadal, Raffaele Bedarida, Floriano Bodini, Mino Ceretti, Alberto Montrasio
autori: Giuseppe Banchieri, Floriano Bodini, Mino Ceretti, Gianfranco Ferroni, Giuseppe Guerreschi, Bepi Romagnoni, Tino Vaglieri
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Nell’ampio panorama museale del territorio lombardo il Museo Civico Bodini a Gemonio (Varese) rappresenta un importante punto di riferimento nella valorizzazione dell’arte italiana del secondo Novecento.
Progetto di valorizzazione che prosegue nella nuova iniziativa in programma dal 3 luglio al 2 ottobre negli spazi recuperati del cascinale del ‘700, che dal dicembre 1998 è sede del Museo: la mostra REALISMO ESISTENZIALE 1954 – 1964.
L’iniziativa trova giusta collocazione in questo contenitore sia per il ruolo che Floriano Bodini ricopre, come fondatore del Museo come partecipante attivo del movimento, sia per il nucleo di opere di questi sette artisti conservati a Gemonio e che arricchiscono la proposta espositiva.
La mostra, curata da un comitato scientifico composto da Alberto Montrasio, Flavio Arensi, Daniele Astrologo Abadal, Raffale Bedarida, Floriano Bodini e Mino Ceretti, raccoglie 42 opere - dipinti e sculture -, sei per ciascuno dei sette protagonisti di questo movimento (Giuseppe Banchieri, Floriano Bodini, Mino Ceretti, Gianfranco Ferroni, Giuseppe Guerreschi, Bepi Romagnoni, Tino Vaglieri) e copre un arco temporale di dieci anni, e più precisamente dal 1954 (anno del diploma all’Accademia di Brera della maggior parte di loro) al 1964 (anno in cui avvenne la tragica morte di Bepi Romagnoni).
II Realismo Esistenziale, definizione data dal critico Marco Valsecchi (1956), è una tendenza che vede riuniti alcuni artisti attivi nel capoluogo lombardo, che reagiscono al clima sociale in cui vivono, da una parte assumendo decise posizioni di denuncia con esiti pittorici particolarmente drammatici (si pensi alla reazione ai cosiddetti "fatti di Ungheria", cioè all'invasione sovietica di Budapest del 1956), dall'altra sviluppando una particolare introversione e riflessione sulla propria identità, legate alla cultura filosofica e letteraria dell'esistenzialismo francese.
La scelta delle 42 opere nasce dalla volontà di documentare il sorgere di una comune affinità artistica negli anni 1954 – 1958, lo sviluppo di differenti tematiche (ad esempio i dipinti dedicati alle periferie, come “Terra vecchia” di Ceretti, “Periferia” di Banchieri, “Città” di Ferroni) e di diversi percorsi artistici, sviluppati tra il 1959 e il 1964, intrapresi dagli autori (come le tangenze con l’Informale di Ceretti e Vaglieri, le assonanze alla Pop art di Guerreschi, le affinità alla Nuova Figurazione di Ferroni e Romagnoni; ecc…) e la necessità critica di fissare una data, sia pur simbolica, che possa individuare l’esaurirsi di questa comune esperienza. A tal proposito, si è scelto di indicarla nel 1964, anno in cui Bepi Romagnoni muore accidentalmente durante una sessione di pesca subacquea.

La mostra è promossa dal Comune di Gemonio, dalla Provincia di Varese, dalla Regione Lombardia, dalla Comunità Montana della Valcuvia, in collaborazione con Montrasio Arte Monza e Milano.
 
immagini
Giuseppe Guerreschi Delitto di via Spallanzani olio su tela cm 150x150
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram