Fernando Botero - Gli ultimi 15 anni 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO VENEZIA ​ Via Del Plebiscito 118 Roma 00186

Roma - dal 16 giugno al 2 ottobre 2005

Fernando Botero - Gli ultimi 15 anni
[leggi la recensione]

Fernando Botero - Gli ultimi 15 anni
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO VENEZIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Plebiscito 118 (00186)
+39 0669994299
palazzovenezia.dir@arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Botero ha selezionato 170 opere mai esposte in precedenza
orario: 10 – 19, lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero euro 8, ridotto euro 5
vernissage: 16 giugno 2005. ore 18,30
editore: DE LUCA EDITORI D'ARTE
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Fernando Botero
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo 15 anni, Botero torna a Roma. L’ultima, grande mostra romana dell’artista colombiano risale infatti al 1991, allora accolta con enorme successo a Palazzo delle Esposizioni.
Dal 16 giugno al 23 settembre, i personaggi più recenti della produzione di Botero popoleranno gli ampi saloni di Palazzo Venezia.
L’esposizione è organizzata dal Polo Museale Romano e dalle Gallerie Contini di Venezia e Benucci di Roma.

Per questo suo ritorno, Botero ha selezionato 170 opere mai esposte in precedenza. Dipinti, disegni e sculture che raccontano gli esiti più recenti e la poetica di uno degli artisti più noti al mondo: nato in Colombia nel 1932, Botero ha saputo sviluppare un autonomo linguaggio figlio della tradizione latino-americana e della pittura europea che lo ha portato ad esporre nei maggiori musei mondiali, in America, Europa e Asia.

Palazzo Venezia, edificio carico di storia e di simboli, è stato privilegiato da Botero per la “prima mondiale” di un ciclo che, nella volontà dell’artista, è destinato a girare il mondo.
“Cuore sanguinante” della mostra romana saranno infatti le 50 opere nate dalla rabbia e dedicate all’orrore di Abu Ghraib.
Le grandi tele mostrano prigionieri ammassati, legati, imbavagliati, o mentre vengono bastonati: dipinti e disegni che trasudano indignazione per una ingiustizia senza ragione e giustificazione.
Botero, che racconta di essersi ispirato agli articoli del New Yorker dedicati alla terribile vicenda, ha ricordato come nessuno si sarebbe ricordato degli orrori di Guernica senza il capolavoro di Picasso.
Il tema della violenza è stato già presente al centro della sensibilità del maestro colombiano, attento alle drammatiche vicende che hanno insanguinato il suo paese negli anni Novanta, quando persino una delle sue statue fu distrutta in un attentato nel centro di Bogotà nel quale rimasero uccise 27 persone.
I grandi campi di colore e i volumi di Botero, che rendono prototipi i suoi protagonisti e che creano quella distaccata dignità propria della pittura classica, si confrontano in questo contesto non solo con i temi tradizionali della sua arte, ma anche con il dolore e la vergogna di una delle vicende più sconvolgenti degli ultimi anni.
La violenza di Abu Ghraib è entrata nella realtà dei personaggi dell’artista, e il dolore stesso ha assunto la drammaticità del prototipo: le cinquanta opere dedicate a questo tema, realizzate nell’arco di un anno, sono divenute una delle serie cui il maestro è più legato e che, per il suo valore di denuncia, non sarà messa in vendita ma esposta nei più importanti musei del mondo.

Accanto a questo “grido di dolore”, la mostra propone i temi cari all’artista, le sue donne, i suoi ritratti, i paesaggi, tutte opere che sono entrate nell’immaginario universale per l’efficace sintesi di ironia, simpatia, tenerezza e lucidità che rappresenta la personalissima cifra di questo grande interprete dei nostri tempi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram