Renato Ranaldi - Dispositivi per l’ora d’aria 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CAMEC - CENTRO ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ​ Piazza Cesare Battisti 1 La Spezia 19121

La Spezia - dal 15 luglio al 2 ottobre 2005

Renato Ranaldi - Dispositivi per l’ora d’aria
[leggi la recensione]

Renato Ranaldi - Dispositivi per l’ora d’aria
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CAMEC - CENTRO ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Cesare Battisti 1 (19121)
+39 0187734593 , +39 0187256773 (fax)
camec@comune.sp.it
www.camec.spezianet.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra di opere recenti di Renato Ranaldi, Dispositivi per l’ora d’aria, concepita come progetto unitario per la sezione Enclave del programma del CAMeC, si snoda attraverso un nucleo ben definito di lavori che spingono alle estreme conseguenze alcuni principi della sua poetica
orario: da martedì a sabato 10-13 e 15-19, domenica 11-19, chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 6,00 intero, € 4,00 ridotto, € 3,00 ridotto speciale e scuole
vernissage: 15 luglio 2005. ore 18
editore: GLI ORI
ufficio stampa: CSC SIGMA
curatori: Bruno Corà
autori: Renato Ranaldi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Renato Ranaldi
Dispositivi per l’ora d’aria
La mostra di opere recenti di Renato Ranaldi, Dispositivi per l’ora d’aria, concepita come progetto unitario per la sezione Enclave del programma del CAMeC, si snoda attraverso un nucleo ben definito di lavori che spingono alle estreme conseguenze alcuni principi della sua poetica.
Attraverso alcune grandi sculture-installazioni concepite e realizzate per rendere evidente, una volta di più, il sentimento di ‘rischio’ derivato dal mettere in ‘bilico’ le forme, al fine di attrarre l’attenzione dell’osservatore, Ranaldi non esita a praticare il parossismo morfologico. Nondimeno, mosso dalla convinzione-dilemma che “una cosa è anche un’altra cosa”, e dunque dall’obiettiva ambiguità di ogni aspetto del reale, egli, sin dal ’65, instilla nelle proprie immagini e nelle creazioni plastiche da esse suscitate un latente plurimorfismo, che ha come conseguenza semiologia e poetica il permanente “rovescio di senso” nella percezione di ogni cosa.
Nato nel 1941 a Firenze, Ranaldi frequenta il liceo artistico e l’Accademia di Belle Arti, dove si diploma nel 1962.
Attraverso un’intensa sperimentazione di tecniche e materiali e sulla base di un costante esercizio dell’attività del disegno, ben presto l’opera pittorica e quella plastica si dissolvono l’una nell’altra. Nel tracciare un proprio percorso autonomo rispetto alle tendenze del minimalismo, della pop, dell’arte povera e della costellazione dei neoespressionismi, Ranaldi mette a punto negli anni Settanta un repertorio di opere che trovano – fuori da schemi accademici – interlocuzioni con la grande tradizione, ancorché lontana e con le maggiori e minori esperienze del ‘900. Sono gli anni in cui si lega di amicizia con artisti come Giuseppe Chiari, Eugenio Miccini, Ketty La Rocca, ma anche come Andrea Granchi e Sandro Chia, con i quali condivide l’esperienza del Teatro Musicale Integrale (1967-69) e parzialmente anche l’esperienza cinematografica del film d’artista (a partire da Senilix, 1968). Negli stessi anni incontra anche Fernando Melani e Luciano Fabro ed esegue le prime fusioni in bronzo dell’Archetipo (1979-80), considerata “Forma delle forme”.
Dopo aver esposto in gallerie e musei europei (Galleria Vivita, Firenze, Konsthall Malmö), nel 1988 è invitato con una Sala personale alla XLIII Biennale di Venezia.
Dagli anni Novanta, attraverso una ricchissima creazione di sculture, dove utilizza laminati di zinco, rame, ottone, e giunge spesso a opere che si dipanano da telai in legno, quasi a dare la suggestione di trovarsi di fronte a una pittura scolpita, cui si lega costantemente la necessità interiore del segnare la carta, si afferma nel novero degli artisti italiani contemporanei di maggior interesse, con esposizioni personali in gallerie private e in musei in Italia (Ravenna, Pinacoteca Comunale; Firenze, Galleria Gentili; Perugia, Opera; Pistoia, Palazzo Fabroni) e all’estero (Los Angeles, Convention Center; Parigi, Gran Palais, FIAC; Fresnes, Maison d’Art Contemporain Chaillioux; Vienna, Galleria Christine König).
Sponsor: Amici del CAMeC, La Spezia; Incontri Internazionali di Arte, Roma
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram