LVI Premio Michetti - In & Out 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUMI - MUSEO MICHETTI ​ Piazza San Domenico 1 Francavilla Al Mare 66023

Francavilla Al Mare (CH) - dal 23 luglio al 31 agosto 2005

LVI Premio Michetti - In & Out
[leggi la recensione]

LVI Premio Michetti - In & Out
[leggi la recensione]
MUMI - MUSEO MICHETTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza San Domenico 1 (66023)
+39 0854912347 , +39 0854912347 (fax)
fondazionemichetti@tiscalinet.it
www.fondazionemichetti.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nell’ideazione del tema della mostra e nell’elaborazione del suo progetto, Luciano Caramel, curatore della 56a edizione del Premio Michetti, ha pensato al rapporto/coesistenza/alternativa/dialettica, oggi, nella situazione culturale che viviamo, tra opera e ambiente, con la considerazione dei nuovi media elettronici, fino all’arte in rete
orario: tutti i giorni tranne il lunedì dalle ore 18 alle ore 24
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 23 luglio 2005. ore 19
editore: VALLECCHI
curatori: Luciano Caramel, Domenico Quaranta
autori: 0100101110101101.org, Thierry Alet, Maddalena Ambrosio, Karin Andersen, Salvatore Astore, Giampaolo Atzeni, Matteo Basilè, Carlo Bernardini, Alberto Biasi, Benedetta Bonichi, Filippo Borella, Mario Bottinelli Montandon, Marco Cadioli, Giovanni Campus, Gennaro Castellano, Salvatore Cuschera, Carlo De Lorenzi, Antonio Di Fabrizio, Marc Didou, Sergio Fermariello, Franco Fienga, Antonio Fiorini, Ignazio Gadaleta, Alberto Ghinzani, Gaspare Gisone, Franco Giuli, Davide Grassi, Eduard Habicher, Marya Kazoun, Olia Lialina, Limiteazero, Marco Magrini, Franco Marrocco, Vincenzo Marsiglia, Yucef Merhi, Ottonella Mocellin, Manola Moretti, Fabrizio Musa, Davide Nido, Antonio Noia, Josh On, Antonella Padovese, Nam June Paik, Nicola Pellegrini, Lucio Perone, Paola Pezzi, Fabrizio Plessi, Roberto Priod, Giuseppe Restano, Claudio Rotta Loria, Sarah Seidmann, Francesco Simeti, Igor Stromaier, Marialuisa Tadei, James Turrell, Walter Valentini, Carlo Zanni
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Nell’ideazione del tema della mostra e nell’elaborazione del suo progetto, Luciano Caramel, curatore della 56a edizione del Premio Michetti, ha pensato al rapporto/coesistenza/alternativa/dialettica, oggi, nella situazione culturale che viviamo, tra opera e ambiente, con la considerazione dei nuovi media elettronici, fino all’arte in rete, ma nella constatazione–accettazione del fatto che i linguaggi, diciamo così, tradizionali, dalla pittura alla scultura, alla fotografia, sono tuttora ben vivi; e che l’ambiente è si quello dilatato della comunicazione elettronica, ma ancora, anche, la parete, la stanza, la casa, la città, la natura.

Ciò anche, nella prospettiva odierna, del rapporto–connessione (di grandissima attualità a tutti i livelli, anche economici e politici) tra globale e locale (una volta si parlava di centro e periferia) e quindi con la scelta di autori legati alle radici e di altri aperti a dimensioni che, anche senza negare le radici, le scavalcano, nella direzione appunto globale della comunicazione elettronica, di internet.

Si intende quindi evidenziare nella mostra la compresenza inevitabile, oggi, di posizioni molto diverse, che non possono essere negate sulla base di scelte esclusive di tendenza o altro. Non quindi pittura o fotografia o video, scultura o installazioni, o addirittura figurativo o astratto, eccetera, ma pittura, fotografia, video, scultura, installazioni, figurativo, astratto eccetera.; non, infine, la negazione del passato, ma il vivere il passato nel presente, un presente inevitabilmente trascorrente nel futuro.

Si tratta perciò di una mostra caleidoscopica, giustificata a livello teorico e storico, che presenterà opere realizzate con diversi linguaggi, fino alla computer art e alla Net e Media Art. Non quindi un’esposizione generosamente ecumenica, né tanto meno generica. Che, oltre tutto, appare quanto mai appropriata alla figura e all’opera di Francesco Paolo Michetti, a cui il Premio è intitolato, che praticò la fotografia, oltre che la pittura, in funzione prima della pittura stessa e quindi con considerazione autonoma della peculiarità del mezzo fotografico.



Artisti invitati : 01001001110101101.ORG, Thierry Alet, Maddalena Ambrosio, Karin Andersen, Salvatore Astore, Giampaolo Atzeni, Matteo Basilè, Carlo Bernardini, Benedetta Bonichi, Filippo Borella, Mario Bottinelli Montandon, Marco Cadioli, Giovanni Campus, Gennaro Castellano, Salvatore Cuschera, Carlo De Lorenzi, Marc Didou, Antonio Di Fabrizio, Sergio Fermariello, Franco Fienga, Antonio Fiorini, Ignazio Gadaleta, Alberto Ghinzani, Gaspare Gisone, Franco Giuli, Davide Grassi e Igor Stromaier, Eduard Habicher, Marya Kazoun, Olia Lialina, Limiteazero, Marco Magrini, Franco Marrocco, Vincenzo Marsiglia, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Manola Moretti, Fabrizio Musa, Davide Nido, Antonio Noia, Josh On, Antonella Padovese, Lucio Perone, Paola Pezzi, Roberto Priod, Giuseppe Restano, Claudio Rotta Loria, Sarah Seidmann, Francesco Simeti, MariaLuisa Tadei, Walter Valentini, Carlo Zanni e Yucef Merhi.





Per gli omaggi il curatore Caramel ha pensato a quattro maestri con alle spalle una storia importante, o addirittura eccezionale, ma che sono attuali, presenti nella nostra cultura artistica e tali da introdurre ad altissimo livello la congiuntura attuale che è oggetto della mostra .

Si tratta innanzi tutto del coreano Nam June Paik (Seul 1932, a New York dal 1964), pioniere della videoarte, maestro universalmente riconosciuto nell’uso espressivo dello strumento televisivo attraverso video installazioni inglobanti con i televisori, oggetti e altri materiali. Con lui, in una direzione del tutto diversa, lo statunitense James Turrel (Los Angeles 1943), esponente tra i maggiori della land art con gli interventi nell’interno del Roden Crater in Arizona.

Accanto a loro due italiani : Alberto Biasi (Padova 1937) cofondatore nel 1959 del Gruppo N e protagonista su di un piano internazionale dell’arte cinetica e programmata con le sue ricerche analitiche sulla percezione visiva concretate in opere di grande efficacia e suggestione; e Fabrizio Plessi (Reggio Emilia, 1940), noto a livello mondiale per le sue video installazioni, connesse ad esperienze cromatiche e sonore, anche in opere spettacolari, quale il gigantesco “Mare verticale” eretto nel giugno scorso davanti ai Giardini di Venezia per la Biennale.



La 56a edizione del premio Michetti sarà inaugurata sabato 23 luglio alle ore 19.00 in Piazza San Domenico a Francavilla al mare; durante l’inaugurazione sarà proclamato il vincitore del Premio .
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram