La Resistenza in Europa 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DI STORIA CONTEMPORANEA ​ Via Sant'andrea 6 Milano 20121

Milano - dal 25 aprile al 2 ottobre 2005

La Resistenza in Europa

La Resistenza in Europa

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DI STORIA CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Sant'Andrea 6 (20121)
+39 0276006964 , +39 02783797 (fax), +39 0288465933
museicentro.info@comune.milano.it
www.museodistoriacontemporanea.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

la mostra ripercorre le vicende di un momento eccezionale, quello della Resistenza, fenomeno che ha visto uniti e coinvolti nella stessa lotta per la libertà tanti paesi europei diversi tra loro
orario: dal martedì alla domenica 9,30-17,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 aprile 2005. ore 18
editore: SKIRA
telefono evento: +39 0288464182
genere: documentaria

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Coprodotta dalle Raccolte Storiche e dal Gabinetto del Sindaco - Relazioni internazionali e con la collaborazione del Museo storico italiano della guerra di Rovereto e dell’Istituto lombardo di Storia di Storia Contemporanea, la mostra ripercorre le vicende di un momento eccezionale, quello della Resistenza, fenomeno che ha visto uniti e coinvolti nella stessa lotta per la libertà tanti paesi europei diversi tra loro.
I documenti esposti provengono, per la quasi totalità, da musei della Resistenza e di storia contemporanea d’Europa. Le nazioni prese in considerazione sono: Francia, Belgio, Lussemburgo, Olanda, Danimarca, Norvegia, Germania, Austria, Cecoslovacchia, Polonia, URSS, Iugoslavia, Albania, Grecia. Non sono invece state inserite nel percorso, oltre alle nazioni neutrali (Spagna, Portogallo, Svezia, Svizzera, Irlanda e Turchia) anche quelli stati che la storiografia definisce satelliti del Terzo Reich: Ungheria, Bulgaria, Romania. Il percorso espositivo si apre con sei sezioni generali dedicate alla resistenza civile, alle radio clandestine (BBC, Radio Mosca, La voce dell’America), alla resistenza ebraica, alla resistenza nei campi di concentramento, agli Alleati, agli intellettuali in fuga dai territori occupati dai nazisti. Due sono i momenti spettacolari: la ricostruzione delle fogne di Varsavia che ricorda la drammatica insurrezione dell’agosto 1944 e l’operazione Antropoid che rievoca l’attentato a Heydrich a Praga nel maggio 1942. La mostra gode del Patrocinio di 14 sedi diplomatiche di governi europei e il prestito di 33 istituzioni e musei stranieri. Tra i prestatori: il museo Anne Frank Huis di Amsterdam, gli Archivi Nazionali di Tirana,il Deutsches Historisches Museum di Berlino, il Musée Memorial de la Libération de Paris et Jean Moulin di Parigi, il Museo della storia Jugoslava di Belgrado, il Museo e Memoriale della Difesa e dell’Assedio di Lenningrado a San Pietroburgo; il Museo del Genocidio di Belgrado, il Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano. Per questa mostra il contributo dell’Esercito italiano è di fondamentale importanza. In particolare, dai musei dell’Esercito, soprattutto dal Museo della Fanteria e dal Museo dei Granatieri, arriva l’armamento usato dai partigiani: bandiere dei gruppi di combattimento dei partigiani in Jugoslavia, cartigli in lingua greca inneggianti la liberazione della Grecia e le armi usate dai partigiani sia in Jugoslavia che in Grecia. Il progetto, il coordinamento delle sezioni espositive e i relativi approfondimenti tematici sono curati dal seguente Comitato scientifico: Enzo Collotti, Marco Cuzzi, Fredrik Dahl, Roberto Guerri, Wolfgang Neugebauer, Ales Knizek, Peppino Ortoleva, Romain Rainero, Achille Rastelli, Lidia Santarelli, Michele Sarfatti, Shaban Sinani, Andrea Vento.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram