Maria Cristina Carlini - Reperti 3110 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NAZIONALE VILLA PISANI ​ Via Doge A. Pisani 7 Stra 30039

Stra (VE) - dal primo ottobre al 27 novembre 2005

Maria Cristina Carlini - Reperti

Maria Cristina Carlini - Reperti

 [Vedi la foto originale]
MUSEO NAZIONALE VILLA PISANI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Doge A. Pisani 7 (30039)
+39 049502074
villapisani@virgilio.it
www.villapisani.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

prosegue l’affascinante viaggio che Maria Cristina Carlini ha intrapreso all’interno del composito pianeta umano per indagarne i valori più profondi e nascosti attraverso i suoi rapporti con la materia
orario: 9-16, chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 1 ottobre 2005. ore 18.30 su invito
catalogo: a cura di Carlo Franza e Claudio Cerritelli
editore: SKIRA
ufficio stampa: RC MEDIA
curatori: Carlo Franza
autori: Maria Cristina Carlini
genere: arte contemporanea, personale
web: www.mariacristinacarlini.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo “Tracce e Luoghi”, a Sant’Ivo alla Sapienza di Roma e “Stanze”, a Palazzo Reale di Torino, prosegue con “Reperti”, una grande mostra che si inaugura il 1 ottobre nella settecentesca Villa Pisani a Strà (Venezia), l’affascinante viaggio che Maria Cristina Carlini ha intrapreso all’interno del composito pianeta umano per indagarne i valori più profondi e nascosti attraverso i suoi rapporti con la materia.

L’artista, che si e’ imposta all’attenzione della critica internazionale per la sua originalissima capacità di saper coniugare la primogenita’ materica delle culture primitive californiane, a lungo studiate in quel di Palo Alto, da dove è partita la sua ricerca, con gli archetipi consolidati della grande scuola della scultura europea, porta a conclusione, in certo qual senso, con questa mostra un viaggio filologico-antropologico intrapreso alla ricerca delle ragioni profonde ed originali che sottendono al rapporto uomo- materia – natura – mistero.



La mostra, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dall’INAC, Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea e dalla Galleria Arte Borgogna, a cura di Carlo Franza che con Claudio Cerritelli firma l’importante catalogo edito da Skirà propone, fino al 27 novembre, negli ampi e suggestivi spazi di Villa Pisani, la più monumentale fra le ville venete con le sue 114 stanze, 14 “opere-installazioni” che costituiscono la più recente produzione dell’artista milanese. Gia’ i materiali che hanno sollecitato la sua ispirazione nell’arco degli ultimi due anni, ferro, oro, manganese, legno, carta, gres, ceramica, cosi’come il titolo dato a questa mostra “Reperti” lasciano capire, fin dal primo impatto con queste complesse strutture, come l’artista sia venuta maturando nel tempo una straordinaria capacità di penetrare nei significati più reconditi della materia e di leggere i rapporti che negli anni, nei secoli, nei millenni, sono intercorsi fra questa e l’uomo. “Si osservi l’opera –installazione “Reperti “ che dà titolo alla mostra – suggerisce il Prof. Carlo Franza nell’introduzione al catalogo - sembrerebbe una grande tavola su cui vivono un insieme di ciotole slabbrate, anfore, piatti, mattoni, che trasudano di incisioni , segni , una sorta di iconografia rurale, cui si adegua un colore che va dal rosso mattone al rosso pallido e lattiginoso, fino all’affumicato. Ma l’intera opera appare anche un paesaggio antico di manufatti che raccontano il tempo e l’uomo, e soprattutto svelano il destino delle cose costruite, gli scambi, gli scarti, gli sfasamenti, la loro connotazione iniziale che ha perso di primarietà per acquisirne di secondarietà ,e cioè artistica e storica”.



Reperti dunque come un percorso della conoscenza a ritroso nel tempo al quale la Carlini invita il pubblico così come nelle sue due precedenti grandi mostre lo aveva accompagnato alla ricerca ed alla scoperta delle “Tracce e Luoghi” dell’umanità , e lo aveva in certo qual senso fisicamente introdotto ad esplorare le “Stanze”, intese come ambiti in cui l’Uomo aveva costruito la sua più intima essenza. Le mostre della Carlini acquistano pertanto il senso di un dialogo costante e interattivo fra l’artista e il suo pubblico, un percorso, concepito come strumento cognitivo e di arricchimento dei valori più profondi ed interiori dell’animo umano, in cui artista e pubblico, protagonista e spettatore non si pongono mai su piani separati, ma vivono un dialogo costante, alla ricerca delle ragioni più profonde dell’esistenza e di come essa si rapporti con il fascinoso e affabulante mondo della materia.Dopo “Tracce e Luoghi”, a Sant’Ivo alla Sapienza di Roma e “Stanze”, a Palazzo Reale di Torino, prosegue con “Reperti”, una grande mostra che si inaugura il 1 ottobre nella settecentesca Villa Pisani a Strà (Venezia), l’affascinante viaggio che Maria Cristina Carlini ha intrapreso all’interno del composito pianeta umano per indagarne i valori più profondi e nascosti attraverso i suoi rapporti con la materia.

L’artista, che si e’ imposta all’attenzione della critica internazionale per la sua originalissima capacità di saper coniugare la primogenita’ materica delle culture primitive californiane, a lungo studiate in quel di Palo Alto, da dove è partita la sua ricerca, con gli archetipi consolidati della grande scuola della scultura europea, porta a conclusione, in certo qual senso, con questa mostra un viaggio filologico-antropologico intrapreso alla ricerca delle ragioni profonde ed originali che sottendono al rapporto uomo- materia – natura – mistero.



La mostra, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dall’INAC, Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea e dalla Galleria Arte Borgogna, a cura di Carlo Franza che con Claudio Cerritelli firma l’importante catalogo edito da Skirà propone, fino al 27 novembre, negli ampi e suggestivi spazi di Villa Pisani, la più monumentale fra le ville venete con le sue 114 stanze, 14 “opere-installazioni” che costituiscono la più recente produzione dell’artista milanese. Gia’ i materiali che hanno sollecitato la sua ispirazione nell’arco degli ultimi due anni, ferro, oro, manganese, legno, carta, gres, ceramica, cosi’come il titolo dato a questa mostra “Reperti” lasciano capire, fin dal primo impatto con queste complesse strutture, come l’artista sia venuta maturando nel tempo una straordinaria capacità di penetrare nei significati più reconditi della materia e di leggere i rapporti che negli anni, nei secoli, nei millenni, sono intercorsi fra questa e l’uomo. “Si osservi l’opera –installazione “Reperti “ che dà titolo alla mostra – suggerisce il Prof. Carlo Franza nell’introduzione al catalogo - sembrerebbe una grande tavola su cui vivono un insieme di ciotole slabbrate, anfore, piatti, mattoni, che trasudano di incisioni , segni , una sorta di iconografia rurale, cui si adegua un colore che va dal rosso mattone al rosso pallido e lattiginoso, fino all’affumicato. Ma l’intera opera appare anche un paesaggio antico di manufatti che raccontano il tempo e l’uomo, e soprattutto svelano il destino delle cose costruite, gli scambi, gli scarti, gli sfasamenti, la loro connotazione iniziale che ha perso di primarietà per acquisirne di secondarietà ,e cioè artistica e storica”.



Reperti dunque come un percorso della conoscenza a ritroso nel tempo al quale la Carlini invita il pubblico così come nelle sue due precedenti grandi mostre lo aveva accompagnato alla ricerca ed alla scoperta delle “Tracce e Luoghi” dell’umanità , e lo aveva in certo qual senso fisicamente introdotto ad esplorare le “Stanze”, intese come ambiti in cui l’Uomo aveva costruito la sua più intima essenza. Le mostre della Carlini acquistano pertanto il senso di un dialogo costante e interattivo fra l’artista e il suo pubblico, un percorso, concepito come strumento cognitivo e di arricchimento dei valori più profondi ed interiori dell’animo umano, in cui artista e pubblico, protagonista e spettatore non si pongono mai su piani separati, ma vivono un dialogo costante, alla ricerca delle ragioni più profonde dell’esistenza e di come essa si rapporti con il fascinoso e affabulante mondo della materia.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram