Venezia: la scena dell'arte 1948-1986 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM ​ Dorsoduro 701 Venezia 30123

Venezia - dal 4 febbraio al 21 maggio 2006

Venezia: la scena dell'arte 1948-1986
[leggi la recensione]

Venezia: la scena dell'arte 1948-1986
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Dorsoduro 701 (30123)
+39 0412405411 , +39 0415206885 (fax)
info@guggenheim-venice.it
www.guggenheim-venice.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

150 fotografie dell'ArchivioArte della Fondazione CRMO
orario: 10.00-18.00; chiuso il martedì e il 25 dicembre
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: euro 10; euro 8 senior oltre i 65 anni; euro 5 studenti; gratuito 0-12 anni
vernissage: 4 febbraio 2006.
catalogo: in mostra
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
genere: fotografia, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
ARTE, STORIA E COSTUME DAL 1948 AL 1986 ALLA COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM:
LA SCENA DELL’ARTE INTERNAZIONALE RIVIVE NEGLI OLTRE 150 SCATTI DI UNA STRAORDINARIA TESTIMONIANZA FOTOGRAFICA.

VENEZIA 1948-1986: LA SCENA DELL’ARTE. FOTOGRAFIE DA ARCHIVIOARTE FONDAZIONE MODENA: dal 5 febbraio al 21 maggio 2006 alla Collezione Peggy Guggenheim, a cura di Luca Massimo Barbero, un viaggio straordinario per immagini con scatti inediti e sorprendenti che ritraggono artisti e protagonisti delle Biennali di Venezia dal 1948 al 1986, da Picasso a Matisse, da Dalí, da Vedova a Fontana e Rauschenberg. Fotografie a suo tempo realizzate per riviste come “Time”, “Life”, “Epoca” e ora protagoniste di un percorso che non è solo testimonianza storica di una realtà importante della città lagunare, ma è soprattutto testimonianza artistica degli eventi che hanno segnato il mondo dell'arte del periodo postbellico.

Il percorso della mostra presenta più di 150 fotografie tra gli oltre 12.000 negativi acquisiti dall'archivio dell’agenzia fotografica Cameraphoto di Venezia da parte dell'ARCHIVIOARTE FONDAZIONE, un nuovo progetto della FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MODENA creato appositamente per raccogliere materiali inediti, carteggi, fotografie, archivi personali e di artisti. L’Archivio è destinato a diventare centro di studio e consultazione.

La mostra catapulterà lo spettatore in una sorta di viaggio nel tempo attraverso le fasi storiche, i momenti, le atmosfere che hanno segnato la scena artistica internazionale riunita a Venezia in occasione delle Esposizioni Internazionali. Nelle immagini compaiono numerosi artisti stranieri: Braque, Chagall, Moore, Léger, Ernst, Arp, Zadkine, Dufy, Mathieu, Oldenburg, Lichtenstein, Kusama, Beuys, LeWitt, e italiani, come De Dominicis, Kounellis, Viani, Marini, Birolli, Guttuso, Moreni, Tancredi, Consagra, Capogrossi, Baj, Castellani, Scheggi, Accardi, Mari e i rappresentanti dei gruppi dell'arte cinetico-programmata. Inoltre, momenti indimenticabili, come la contestazione e l'inaugurazione dei singoli padiglioni, restituiscono il clima e il fervore artistico di quegli anni. Da segnalare, ad esempio negli anni Settanta, i servizi fotografici sul teatro di Jerzy Grotowsky, Julian Beck, Luca Ronconi e Meredith Monk.

La ricostruzione filologica del lavoro di ricerca sulle fotografie esposte, diventa inusuale ma validissimo strumento per storici dell’arte e studiosi. Costoro avranno, infatti, la possibilità di osservare, ad esempio, la documentazione fotografica relativa alla mostra del 1964 sui pittori americani (Robert Rauschenberg, Jim Dine, Claes Oldenburg, Jasper Johns e John Chamberlain) ospitata presso l’ex Consolato degli Stati Uniti a Venezia. Fu questa l’occasione per osservare da vicino gli sviluppi dell’arte d’oltreoceano in Italia, che tanta importanza avrebbero poi esercitato sull’evoluzione artistica degli anni successivi, sui cambiamenti dello stile e gli atteggiamenti della critica e del pubblico nei confronti della Pop Art. In altre parole, sarà possibile guardare le foto come si legge un testo di storia dell’arte: trovando la testimonianza esatta delle opere esposte nelle mostre di quegli anni, o godendo della visione di un reportage completo e unico su Georges Mathieu mentre, alla Galleria del Cavallino nell’autunno del 1959, sferra stoccate di colore sulle enormi tele del ciclo della Battaglia di Lepanto.

VENEZIA 1948-1986: LA SCENA DELL’ARTE si avvale di una preziosa pubblicazione che, tra le oltre 300 pagine, accoglie ben 900 immagini: fondamentale documento per approfondire i contenuti della mostra. Il racconto puntuale di questo volume raffinato darà l’opportunità di rivivere o riscoprire il come eravamo dagli anni del dopoguerra al boom, fino alle provocazioni e agli eccessi degli anni Ottanta. La moda e lo stile giocano con l’arte diventando a volte protagonisti, altre sfondo delle immagini che, soprattutto negli anni Cinquanta e Sessanta, venivano utilizzate per diffondere il messaggio di un mondo, non limitato alla sola scena italiana, che stava cambiando velocemente e che grazie a nuove correnti artistiche, posizioni radicali e anche contestatarie stava progettando il suo futuro. In questo percorso, l’ironia appare una chiave fondamentale: la modella, in un geometrico abito dalla forma essenziale, osserva forse con stupore il taglio nell’opera di Lucio Fontana Concetto spaziale. Attesa, del 1966. Lo sguardo intenso e indagatore di Alberto Giacometti incontra quello di una modella bellissima ma distratta dalle sculture filiformi nella sala a lui dedicata alla Biennale del 1962. Irresistibile sarà stato l’alone di esotismo che circondava Yayoi Kusama quando nel 1966, indossando uno splendido kimono dalle lunghe maniche, faceva volteggiare le sfere traslucide del suo Giardino di Narciso.

VENEZIA 1948-1986: LA SCENA DELL’ARTE rappresenta la quinta collaborazione tra la Collezione Peggy Guggenheim e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, la prima,
tuttavia, a Venezia, dopo le quattro mostre presentate dalla Collezione Peggy Guggenheim a Modena, dove INFORMALE: JEAN DUBUFFET E L’ARTE EUROPEA 1945-1970 è dal 18 dicembre esposta al Foro Boario di Modena (sino al prossimo 9 aprile). VENEZIA 1948-1986: LA SCENA DELL’ARTE così rinnova la collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e la rafforza nel presentare in questa occasione a un pubblico internazionale il valore di questo suo nuovo e importante progetto, l'ArchivioArte Fondazione.
# 180 novembre, 2005

Institutional Patrons: Banca del Gottardo, Regione del Veneto
I programmi della Collezione Peggy Guggenheim sono resi possibili grazie al sostegno del Comitato Consultivo della Collezione Peggy Guggenheim e:
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram