Musa pensosa - L’immagine dell’intellettuale nell’antichità 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ANFITEATRO FLAVIO - COLOSSEO ​ Piazza Del Colosseo Roma 00184

Roma - dal 18 febbraio al 20 agosto 2006

Musa pensosa - L’immagine dell’intellettuale nell’antichità
[leggi la recensione]

Musa pensosa - L’immagine dell’intellettuale nell’antichità
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
ANFITEATRO FLAVIO - COLOSSEO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Colosseo (00184)
+39 0639967700
www.archeorm.arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Statue, affreschi, rilievi svelano i volti delle dee ispiratrici di ogni ramo del sapere ed evocano il mondo dei letterati dell'epoca greco-romana, sempre grati a queste portatrici della parola divina.
orario: Tutti i giorni 8.30–17 dal 19 febbraio al 15 marzo
8.30–17.30 dal 16 al 25marzo
8.30–19.15 dal 26 al 20 agosto
la biglietteria chiude un'ora prima
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 10,00 ridotto € 6,00
vernissage: 18 febbraio 2006.
catalogo: Electa
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
curatori: Angelo Bottini
telefono evento: +39.06.39967700
genere: arte antica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Per me desidero solo che le dolci Muse, come le chiama Virgilio, mi portino in quei luoghi sacri e alle loro fonti, lontano dalle ansie e dagli affanni e dalla necessità di fare ogni giorno qualcosa contro voglia” (Tacito)

Tacito colloca le Muse in luoghi sacri, accanto alle fonti d’acqua, immagine perfettamente concorde all’etimologia della parola Musa, che i dialetti greci interpretavano come ‘sorgente’. Per questo in origine le Muse venivano assimilate alle Ninfe. La mitologia le vuole figlie di Zeus, dee che incarnano ogni ramo del sapere dalla musica all’ispirazione poetica e alla sapienza divina. Così Calliope è la Musa della poesia epica, Euterpe e Erato sono l’una protettrice della lirica monodica e l’altra della lirica corale e ancora Tersicore della danza, Melpomene della tragedia, Talia della commedia, Clio è Musa della storia, Urania dell’astronomia…
La Soprintendenza archeologica di Roma, già da qualche anno, ha avviato per le mostre al Colosseo l’esplorazione dei grandi temi della civiltà antica secondo progetti che coniugano il rigore scientifico con un moderno linguaggio espositivo, apprezzabile anche dai non “addetti ai lavori”.
Nell’ambulacro interno dell’Anfiteatro Flavio alle statue di queste donatrici della forza purificatrice sono associati capolavori d’arte e della scienza che illustrano scene di poesia, musica e teatro, l’educazione del cittadino, l’estro creativo a servizio dell’impegno culturale con fini politici.
I personaggi che trovano ispirazione dalle Muse vanno da Omero ai lirici, dai tragediografi ai filosofi, agli oratori greci e romani, riconoscibili e ancora vivi e presenti attraverso splendidi ritratti, collocati nell’ambulacro esterno del monumento. Il rapporto Musa-intellettuale si è andato modificando nel corso dei secoli: partendo da una dipendenza diretta del poeta dal sostegno della Musa ispiratrice, in quanto figura di mediazione della parola divina, l’intellettuale si è via via reso autonomo.
La mostra presenta decine di vasi attici, rilievi, affreschi e mosaici, più di quaranta opere fra statue, ritratti e sarcofagi in marmo, di cui è “prima donna” la splendida statua della Musa Polimnia, proveniente dalla Centrale Montemartini, che testimonia la fortunata iconografia delle Muse create in epoca ellenistica. Si riserva inoltre una particolare attenzione ai luoghi del sapere e alla sua trasmissione.
Una serie di opere danno conto della fortuna di questi modelli culturali e della loro ricezione non solo in ambito romano, ma fino ad arrivare alla cultura e all’arte della società europea moderna e contemporanea. Di questo danno dimostrazione non solo il ricco apparato didascalico ed illustrativo della mostra, ma anche i saggi contenuti nel catalogo Electa.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram