Sergio Zavattieri - Botanica 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA ARTURARTE ​ Via Settevene Palo 1a Nepi 01036

Nepi (VT) - dall'undici febbraio al 3 marzo 2006

Sergio Zavattieri - Botanica

Sergio Zavattieri - Botanica

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA ARTURARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Settevene Palo 1a (01036)
+39 0761527955
arturarte@tiscali.it
www.arturarte.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

personale
orario: da lunedì a venerdì 9-18. Sabato e domenica su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 febbraio 2006. ore 13
curatori: Stefano Elena
autori: Sergio Zavattieri
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Almeno 140, le battute necessarie.

La misura che suddivide i valori di durata in musica, quella battuta, deve essere spinta.

Come il battito.

Come se il battito pulsasse al punto di sembrare fermo. Oppure come se la battuta diventasse quella sospensione momentanea che il dizionario, tra gli altri sensi, riporta.



Allora si può guardare, questo nuovo impegno analitico di Sergio Zavattieri che fa del procedimento un pensiero e dello spostamento un motivo e un modo d’essere. Che penetra e scandaglia restando lucido, che scatta, stacca, allarga, aggiunge e cambia le forme in posa immobile prelevate fuori poi portate dentro e lavorate, a riprova di una magia assolta dalla tecnica.



Collezionista alterato e paziente, artigiano-maniaco a denti stretti dipendente da perfezionismo stilistico e non morale, Zavattieri (da ora anche solo “Sergio Z.”) forgia il vero e lo amplifica, lo manipola e fissa per renderlo catalogabile e inalterabile frutto di un artifizio digitale che documenta la bellezza non vista, quella nascosta/assente che si tratta in laboratorio e che l’occhio vede senza coscienza. Il dettaglio impercettibile ora compare, rasentando un doppio visivo che trasforma quell’aspetto in uno diverso, che scolpisce – fotografandolo – un reperto eletto decodificato, tradotto, sviluppato avvalendosi di un sistema a più fasi che cattura e cambia.



Che sian corpi, carni, bestie o ultimi pasti, l’occhio meccanico di Sergio Z., freddo e minuzioso come un rilevatore predisposto, elabora e restituisce deviando la vista ingannata di chi contempla per scoprire. Gli studi dell’artista anatomizzano gli studi dell’artista. La distanza emotiva e l’accostamento ottico (sin dal titolo della mostra, “Botanica”, che non interpreta, ma sottotitola) sigillano e mettono sottovetro, “risucchiano l’aura dalla realtà” negando i rassicuranti spazio&tempo che sempre aiutano a contestualizzare l’uomo nell’ambiente circostante.



L’attualità è gestita dal mezzo: ogni suo pervenirci è deformato dal metodo e dalla preferenza. Sergio Z. trasferisce il rinvenibile dal luogo d’origine al dove voluto e utile, attraverso un mixaggio che fonde natura e ricerca.



Poi ci sono i fiori, elementi secondari (cit. Sergio Z.: “…in ogni lavoro che faccio il soggetto non é proprio la parte fondamentale”) del rappresentare la capacità e mostrare il tramite. La “preparazione sintetica della vita” è ricorrente nell’opera dell’homo faber Sergio Z., sfruttatore scientifico dell’esistenza e suo interprete distante.

Tecnofiori, protesi floreali a schermo pieno sterilizzate e inerti come se immerse nell’olio siliconico del Garden di Marc Quinn che trattiene e sospende – nel vuoto di un silenzio che riempie – piante in coma destinate a decomporsi non appena staccata la spina.



Nel frattempo, però, possiamo guardare il bello.

Nell’attesa avremo abusato della perfezione che i condannati a morte come noi non smettono di volere.

Non possiamo fare di più. Guardando, intendo. Non possiamo cercare e tanto meno trovare qualcosa di soltanto nostro, in questa attesa paralizzante che esibisce insensibile e non parla.




P.S.: quanto sopra ammette l’influenza della “storia” (Benjamin, Blossfeldt), di Mircea Eliade, dei Limbo, degli Shpongle, del “Collezionista” di John Fowles e di Sergio Z.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram