Isadora Duncan, Pina Bausch. Danza Dell’anima, Liberazione Del Corpo 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE / REFETTORIO DELLE STELLINE ​ Corso Magenta 59 Milano 20123

Milano - dal 17 maggio al 22 luglio 2006

Isadora Duncan, Pina Bausch. Danza Dell’anima, Liberazione Del Corpo

Isadora Duncan, Pina Bausch. Danza Dell’anima, Liberazione Del Corpo
GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE / REFETTORIO DELLE STELLINE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Magenta 59 (20123)
+39 0248008015 , +39 024814269 (fax)
galleriearte@creval.it
www.creval.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra si propone di raccontare in forma divulgativa e rigorosa, con il supporto di documenti visivi rari e di forte impatto emotivo, il ricco lascito di esperienze, idee, insegnamenti che Isadora Duncan (San Francisco 1877- Nizza 1927) e Pina Bausch (Solingen 1940) hanno seminato durante la loro carriera
orario: dalle 10.30 alle 19.30 da lunedi a sabato (chiuso domenica e festivi)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero 6 euro, ridotto 5 euro - riduzioni per studenti e giovani fino a 18 anni, anziani (ultra 60enni)
vernissage: 17 maggio 2006. ore 18.30
editore: SKIRA
ufficio stampa: STUDIO TM-TISS
curatori: Piergiorgio Carizzoni
patrocini: del Forum Austriaco di Cultura di Milano e AICEM
genere: documentaria
email: assdioniso@tiscali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra si propone di raccontare in forma divulgativa e rigorosa, con il supporto di documenti visivi rari e di forte impatto emotivo, il ricco lascito di esperienze, idee, insegnamenti che Isadora Duncan (San Francisco 1877- Nizza 1927) e Pina Bausch (Solingen 1940) hanno seminato durante la loro carriera, sottolineandone le diverse fonti ispiratrici e la tensione utopica che fa di loro un simbolo e un modello per le giovani generazioni. L’esposizione rievoca il percorso ideale attraverso il quale le due grandi innovatrici, ciascuna con le proprie modalità espressive, elaborano e sedimentano un processo di enorme portata che ha scardinato i pilastri della tradizione del balletto classico e ha dischiuso nuovi, fecondi orizzonti, al teatro, al costume, al superamento del dualismo anima-corpo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram