Pablo Echaurren - Al ritmo dei Ramones 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA ​ Viale Pietro De Coubertin 34 Roma 00196

Roma - dal 24 maggio al 30 luglio 2006

Pablo Echaurren - Al ritmo dei Ramones
[leggi la recensione]

Pablo Echaurren - Al ritmo dei Ramones
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Pietro De Coubertin 34 (00196)
+39 0680241436
info@musicaperroma.it
www.auditorium.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra presenta oltre venti opere recenti ispirate alla musica dei Ramones, la band punk che irrompeva trenta anni fa nel mondo del rock, interpretando sogni e tensioni della generazione giovane degli anni ’70
orario: tutti i giorni dalle 11 alle 20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 24 maggio 2006. ore 19
editore: SKIRA
curatori: Achille Bonito Oliva
autori: Pablo Echaurrren
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra presenta oltre venti opere recenti ispirate alla musica dei Ramones, la band punk che irrompeva trenta anni fa nel mondo del rock, interpretando sogni e tensioni della generazione giovane degli anni ’70.
Pablo Echaurren, che in quel decennio aveva vent’anni, ha sempre sentito una forte sintonia con l’espressività dei Ramones, fatta di ritmi aggressivi che accelerano le palpitazioni cardiache con spiazzamenti di crudele ironia, tanto che ancora oggi mentre lavora non può fare a meno di ascoltare la loro musica.
Ma, per Echaurren, non si tratta tanto di una generica simpatia, quanto di una vera e propria consonanza linguistica, evidente nelle ultime tele, che sono la resa pittorica di un certo climax e di precise sonorità.
Del resto l’aspirazione alla totalità dell’espressione estetica è fenomeno antico quanto l’arte. La poesia può includere armonia, dissonanze e onomatopea, la musica talvolta diventa colore e la pittura è in grado di esprimere suoni, rumori e perfino odori, come sostenevano i futuristi.
Nelle tele che Echaurren ha realizzato dopo il 2000 compare un elemento caratterizzante, il dripping, che egli utilizza in modo del tutto originale, non in chiave informale, ma, al contrario, per costruire forme in uno spazio visivo che si pone anche come equivalenza plastica di accordi e ritmi.
Ed ecco che il dripping guidato e indirizzato da Echaurren può comporre forme “a pettine” che rimandano al basso continuo, o dilatarsi in raggiere circolari che richiamano le esplosioni della batteria, o ancora, con l’aiuto del soffio dello stesso autore, espandersi come una voce nella vasta gamma che va dai sussurri alle grida.
I quadri di Pablo Echaurren, dunque, non sono un semplice omaggio ai quattro protagonisti del rock, che pure compaiono in alcune tele con le loro figure inconfondibili, ma rappresentano un dialogo a distanza con un mondo, con un linguaggio acustico capace di parlare al cuore di una generazione. Talvolta un titolo dei Ramones può suggerire un’immagine. Talaltra il contenuto di una canzone è solo un pretesto per dislocarsi altrove.
I Ramones furono i primi non solo a tagliarsi i jeans ma a usare un nome collettivo. Si chiamavano con nomignoli da bambini, Joey, Johnny, Dee-Dee, Tommy e/o Marky, ma adottavano il cognome comune di Ramones, come fossero membri di una stessa famiglia. Oggi, nel mondo dell’arte, è diffuso l’uso dell’icona di gruppo, dell’anonimato, del nick-name ecc., uso anticipato dai fast four di New York. I quali, come eroi da leggenda, sono quasi tutti morti giovani.
La mostra di Pablo Echaurren li ricorda nel trentennale del loro primo disco.


La mostra, a cura di Achille Bonito Oliva, è organizzata dalla Fondazione Musica per Roma.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram