Giuseppe Caccavale - Resi conto 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ​ Campo Santa Maria Formosa 5252 Venezia 30122

Venezia - dal 20 maggio al 15 ottobre 2006

Giuseppe Caccavale - Resi conto
[leggi la recensione]

Giuseppe Caccavale - Resi conto
[leggi la recensione]
FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Campo Santa Maria Formosa 5252 (30122)
+39 0412711411 , +39 0412711445 (fax)
fondazione@querinistampalia.org
www.querinistampalia.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Dopo Giulio Paolini, Remo Salvadori, Elisabetta Di Maggio, Kiki Smith è Giuseppe Caccavale l’artista chiamato a confrontarsi con gli ambienti della Fondazione, nella convinzione che lo sguardo degli artisti più interessanti e sensibili possa aiutare non soltanto a capire il tempo presente, ma anche a vedere in modo diverso il nostro passato
orario: dalle 10 alle 18. Il venerdì e sabato dalle 10 fino alle 22. Chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero 8 euro, ridotto 6 euro
vernissage: 20 maggio 2006. ore 18
editore: GLI ORI
curatori: Chiara Bertola
autori: Giuseppe Caccavale
note: L’insieme di disegni Resi conto al terzo piano della Fondazione sarà visibile fino al 16 luglio 2006
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Giuseppe Caccavale, napoletano d’origine marsigliese d’adozione, presenta la mostra Resi conto, pensata per gli spazi della Fondazione Querini Stampalia di Venezia.

L’esposizione, a cura di Chiara Bertola, verrà inaugurata sabato 20 maggio alle 18.

Il progetto è stato realizzato con il supporto del CIRVA, Centre international de recherche sur le verre et les arts plastiques, di Marsiglia e Faggionato Fine Arts di Londra.
Ia mostra

Resi conto di Giuseppe Caccavale rientra nel progetto Conservare il futuro, promosso dalla Fondazione Querini Stampalia e dalla Regione del Veneto e incentrato sul rapporto fra arte antica e arte contemporanea, tra passato e presente.

L’obiettivo è quello di approfondire il concetto di Museo, inteso e vissuto come Casa e con la specifica vocazione di restituire memoria attraverso gli sguardi degli artisti contemporanei.

Dopo Giulio Paolini, Remo Salvadori, Elisabetta Di Maggio, Kiki Smith è Giuseppe Caccavale l’artista chiamato a confrontarsi con gli ambienti della Fondazione, nella convinzione che lo sguardo degli artisti più interessanti e sensibili possa aiutare non soltanto a capire il tempo presente, ma anche a vedere in modo diverso il nostro passato.

“Con Caccavale, scrive la curatrice Chiara Bertola, siamo di fronte ad una ricerca complessa, cresciuta nello studio, nelle parole scritte, sedimentata attraverso quell’arte minore e popolare che lavorava con i dettagli, che costringeva a controllare ogni particolare e ogni passaggio. Solo essenzialità, silenzio, disciplina quotidiana scandiscono i ritmi che conducono alla sua opera, dove il tempo quotidiano e quello del lavoro fanno parte del medesimo progetto esistenziale”.

L’artista elabora un registro di discipline differenti tra loro, tutte hanno come materie elementi naturali. L’interesse per una chiara sillabazione della figura ha provocato la scoperta di cammini di sabbia, calce, vetro, grafite, carbone, pigmenti. Tutta polvere.

Scrive Caccavale: “Le stanze di “Casa Querini” saranno trasformate in un brusio di gesti, dalle palpebre delle opere uscirà un sonno di polvere”.

E così descrive l’esperienza in Fondazione: Cos’è il “capitolo” Querini Stampalia? Sono pagine chinate verso il lavoro, un continuo sfogliare i gesti dello studio, un continuo non darsi pace nel trovato, cercarsi contenti in una camicia di forza. Uno sbaraglio di giorni che inseguono la loro vita nella severità. Digiunano gli occhi e lo sguardo sonda la sua stratigrafia. In una casa di quadri, in una casa di libri, conquisto uno specchio di schiaffi, così si infrangono le intenzioni.

Alla Fondazione Querini Stampalia l’artista presenterà, nelle sale del Museo, nuovi affreschi, vetri, disegni, tra cui un inedito disegno su legno; nelle sale al terzo piano sarà invece visibile la nuova installazione Resi conto, l’insieme dei disegni tracciati sulle pareti.

Il libro della mostra, con le fotografie delle opere allestite in Museo e l’insieme dei disegni Resi conto, pubblicato dalle edizioni Gli Ori di Firenze, sarà disponibile da metà giugno presso il bookshop della Fondazione Querini Stampalia.



L’artista

brevi cenni biografici

Giuseppe Caccavale, nato ad Afragola (Na) nel 1960, vive e lavora tra Marsiglia e la Puglia.

L’impegno di lavoro per diversi anni con bambini psicotici e autistici ha determinato: di nuovo gli occhi.

Alterna periodi di studio a presentazioni di lavoro. Questi studi lo hanno portato ad un lungo viaggio che va dal sud dell’Italia al nord dell’Europa. Ha soggiornato al Monte Athos (Grecia) per una lettura iconografica degli affreschi di Panselinos il Macedone e Teofane il Cretese.

Nel 1995 la prima mostra personale a Gand, in Belgio.

Nel 1999 espone simultaneamente agli Ateliers d’Artistes di Marsiglia e alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia.

Affresca nel 2000 gli Archivi Municipali di Marsiglia.

Sempre a Marsiglia, nel 2002, al museo Grobet-Labadie espone una serie di opere intitolata La scuola delle merlettaie cieche.

Nel 2003 si misura con lo spazio del Museo di Castelvecchio a Verona.

Dello stesso anno la sua prima personale in Italia, al MAXXI, il Museo per le Arti del XXI secolo, di Roma.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram