Francesca Woodman 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MASSIMO MININI ​ Via Luigi Apollonio 68 Brescia 25128

Brescia - dall'otto giugno al 30 settembre 2006

Francesca Woodman

Francesca Woodman

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MASSIMO MININI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Apollonio 68 (25128)
+39 030383034 , +39 030392446 (fax)
info@galleriaminini.it
www.galleriaminini.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione della Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia la Galleria Massimo Minini presenta una mostra dedicata a Francesca Woodman
orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 19.30, sabato dalle 15.30 alle 19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 giugno 2006. ore 18
autori: Francesca Woodman
note: Courtesy Fondazione Francesca Woodman.
In collaborazione con la Galleria Davide Di Maggio, Berlino
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Le fotografie in mostra sono tutte rigorosamente in bianco e nero, scattate tra il 1972 e il 1981, anno in cui la fotografa, appena ventitreenne, si toglie la vita. Un fatto che a posteriori può aiutare a comprendere a fondo il suo lavoro, segnato da scelte stilistiche originali e rivelatorie: la predilezione per alcuni luoghi ricorrenti - cornice o soggetto degli scatti - l’autoritrarsi, la preferenza per atmosfere angoscianti, visionarie e a tratti surreali. Il mezzo fotografico diviene strumento di autoanalisi, di ricerca per sondare nell’intimo la propria anima.
Woodman spesso ritrae se stessa in ambienti degradati, in stanze semivuote e fatiscenti o in luoghi che sembrano giardini incantati. Il suo corpo nudo non è mai al centro dello scatto, viene ripreso in un angolo della stanza, viene ‘privato’ ora delle gambe, ora della testa oppure nascosto da un velo o da uno specchio. Le immagini sono di una delicatezza e bellezza sorprendente, incuriosiscono perché non svelano apertamente, piuttosto sembrano suggerire, quasi sussurrare lo stato d’animo dell’artista, le sue ansie e i suoi giochi.
Le immagini di Francesca Woodman sono ricche di fascino perché senza tempo. Alcuni lavori hanno un sapore preraffaellita, altri reminiscenze surrealiste, ma risultano sempre molto intimisti e singolari. Ricorrenti sono elementi come lo specchio, il vetro, i fiori – in particolare le calle e i gigli – le conchiglie, i drappi dietro cui celare il volto e parti del suo corpo adolescente. Spesso tutto sembra immobile, la composizione dell’immagine studiata, in equilibrio tra i pochi oggetti e le figure inquadrati; altre immagini invece sembrano popolate da ‘fantasmi’, la persona è ripresa in movimento e non è del tutto percepibile, è ambigua, si deforma e l’atmosfera si carica di angoscia, di paura, di attesa.
Sembra che stia per succedere qualcosa di pericoloso o che il pericolo sia da poco passato ed ancora ve ne siano tracce.
 
immagini
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram