Revolving Landscape 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE ​ Viale Emilio Alemagna 6 Milano 20121

Milano - mer 24 maggio 2006

Revolving Landscape

Revolving Landscape
TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Emilio Alemagna 6 (20121)
+39 02724341 , +39 0289010693 (fax), +39 0272434208
info@triennale.it
www.triennale.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Stefano Boeri presenta il progetto di Patrick Tuttofuoco
biglietti: free admittance
vernissage: 24 maggio 2006. ore 18
editore: ELECTA
autori: Patrick Tuttofuoco
genere: arte contemporanea, presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Mercoledì 24 maggio alle ore 18, presso la Triennale di Milano Stefano Boeri, direttore del mensile Domus converserà con Patrick Tuttofuoco, autore di Revolving Landscape, catalogo della omonima mostra in corso fino al 4 giugno 2006 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino.

Electa pubblica il ‘diario’ del viaggio compiuto da Patrick Tuttofuoco intorno al mondo. Tre mesi, dieci paesi, diciassette megalopoli – da Milano a Rio de Janeiro – che l’artista ha attraversato insieme ai due registi Mattia Matteucci e Damaso Queirazza e all’architetto Andrea Pozzato tra ottobre 2005 e gennaio 2006. Il quaderno di appunti, dal formato tascabile, è stato ideato e disegnato dallo stesso Tuttofuoco e include anche le foto della mostra, diventando così parte integrante di un ampio progetto che comprende l’esperienza del tour e l’esposizione di Torino.

Nel testo confluiscono una quantità incalcolabile di suggestioni e forti impressioni raccolte durante il viaggio sotto forma di scritti e immagini. Ne risulta un lavoro carico di energia, il riflesso di una cultura giovane, tecnologica e collaborativa in perenne evoluzione.

I testi sono composti da interviste veloci oltre che agli stessi compagni di viaggio, a personaggi quali Andrea Branzi, Professore Associato alla III Facoltà di Architettura e Disegno Industriale al Politecnico di Milano, Yona Friedman, architetto e artista, Marco de Michelis, storico dell’Architettura alla Università IUAV di Venezia, l’architetto Cino Zucchi ed altri ancora. A queste si alternano messaggi ì email densi di commenti e sensazioni suscitate dall’impatto con le grandi città.

Le centinaia di immagini scorrono rapidissime come fotogrammi e colgono la varietà di tutti i paesaggi con le loro architetture e le figure che le abitano. Ogni città è come un paese a sé stante, con le proprie leggi e regole, i propri confini invisibili, la propria politica ed economia sotterranee.


Patrick Tuttofuoco è nato nel 1974 a Milano, dove vive e lavora. A soli trentadue anni si sta imponendo come una delle personalità più interessanti della nuova generazione italiana. Lavora con il video, il disegno e l’installazione. Ha già esposto in importanti centri internazionali come il Museum of Contemporary Art di Kanazawa (Giappone) e il Centre d’Art Contemporain di Ginevra (Svizzera). Nel 2002 ha vinto a Torino il premio della Regione Piemonte partecipando alla mostra collettiva Exit di giovani artisti italiani, presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo creando una installazione luminosa e sonora, un "lavoro carico di energia positiva" nel verdetto della giuria internazionale. Nel 2001, l’artista ha realizzato anche un video, "Boing", viaggio immaginario nello spazio virtuale del computer, presentato al Centro di Arte contemporanea di Ginevra.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram