L’ultimo Romanino 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MARTINENGO ​ Via Dei Musei 30 Brescia 25121

Brescia - dal 21 giugno all'otto ottobre 2006

L’ultimo Romanino

L’ultimo Romanino

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO MARTINENGO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Musei 30 (25121)
+39 03040668
mostre@amicimartinengo.it
www.amicimartinengo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

protagonista principale ed ospite d’eccezione la pala con la Vocazione di Pietro e Andrea, proveniente dalla chiesa di San Pietro apostolo di Modena
vernissage: 21 giugno 2006. ore 18
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Girolamo Romanino
genere: arte antica, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra bresciana - un omaggio che la città di Brescia, per iniziativa di Comune di Brescia-Settore Musei, Fondazione Cab, Banco di Brescia e Brescia Musei S.p.A., rende al pittore cui ha dato i natali - ha come protagonista principale ed ospite d’eccezione la pala con la Vocazione di Pietro e Andrea, proveniente dalla chiesa di San Pietro apostolo di Modena. L’opera resterà in visione nella Pinacoteca Tosio Martinengo dal prossimo 21 giugno fino all’8 ottobre 2006.



Accanto ad essa, nel salone della Pinacoteca bresciana sono presentate la pala di San Domenico (La Vergine incoronata dalla Trinità con San Domenico e altri santi), risalente al 1545-1548 circa, e la cosiddetta pala Avogadro (San Paolo fra i santi Girolamo, Giovanni Battista, Maddalena, Caterina e angeli), databile al 1549-1550.

Opere, queste, determinanti per documentare il percorso pittorico degli ultimi anni di attività del Romanino, tuttora difficili da comprendere a pieno per la critica.



Nella pala di San Domenico, così denominata perché originariamente decorava l’altare maggiore dell’omonima chiesa bresciana, si coglie la forte volontà di sperimentazione espressa dell’artista, che individua nella figura di San Domenico il fulcro di una composizione monumentale, dove meditazione, pietà, raccoglimento esprimono i diversi aspetti della religiosità del tempo.



Nella pala Avogadro, che prende il nome dall’omonima cappella della chiesa di San Giuseppe a Brescia in cui fu originariamente custodita, la rigida simmetria delle figure tradisce il momento di crisi attraversato dal Romanino, contribuendo a meglio focalizzare dal punto di vista critico ed umano l’intera produzione del maestro.



Sempre a Brescia si ritrova la più significativa testimonianza dell’attività tarda dell’artista, custodita fra i saloni di casa Bargnani, oggi Palazzo Lechi, in corso Magenta, dove si conservano gli affreschi eseguiti dal Romanino, probabilmente in collaborazione con Lattanzio Gambara. Una figura, quest’ultima, che certo non mancò stimolare, con il suo apporto classicistico, l’estro artistico dell’antiaccademico ed anticlassico Romanino. La partecipazione del giovane allievo è evidente anche nelle decorazioni che Romanino realizzò a fresco per gli ambienti di Palazzo Averoldi, in via Moretto, testimonianza fra le più significative della stagione manieristica di tema profano nell’Italia settentrionale.



Temi giocosi e miti dell’antichità vengono resi con scioltezza di pennello e la ricerca di raffinati effetti plastici, fra baccanali, scene mitologiche, favole antiche che inseguono raffigurazioni di mesi e stagioni, talvolta frammentari ma determinanti per comprendere la poetica irriverente e insieme raffinata dell’ultimo Romanino, densa di ironia e di sottili notazioni psicologiche, e assolutamente refrattaria alla pedanteria di maniera.





In mostra a Brescia:



Girolamo Romanino, La vocazione di Pietro e Andrea, olio su tela, 1558 c., 400x330 cm, Modena, chiesa di San Pietro apostolo



Girolamo Romanino, San Paolo fra i santi Girolamo, Giovanni Battista, Maddalena, Caterina e angeli (Pala Avogadro), olio su tela, 1549-1550 c., 421x278 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo



Girolamo Romanino, La Vergine incoronata dalla Trinità con San Domenico e i Santi Faustino e Giovita, Paolo, Tommaso d’Aquino, Pietro Martire, Antonino, Vincenzo Ferrer, Pietro (Pala di San Domenico), olio su tela, 1545-1548 c., 439x301 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram