Carlo Mollino - Arabeschi 3100 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ​ Via Magenta 31 Torino 10128

Torino - dal 19 settembre 2006 al 7 gennaio 2007

Carlo Mollino - Arabeschi
[leggi la recensione]

Carlo Mollino - Arabeschi
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Magenta 31 (10128)
+39 0114429518 , +39 0114429550 (fax)
gam@fondazionetorinomusei.it
www.gamtorino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La GAM di Torino e il Castello di Rivoli e dedicano una grande mostra a una delle figure più singolari della cultura italiana
orario: 10-19 tutti i giorni, giovedì 10-23, chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 7,50; ridotto € 4,00
vernissage: 19 settembre 2006. su invito
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
curatori: Fulvio Ferrari, Napoleone Ferrari
autori: Carlo Mollino
genere: design, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Carlo Mollino, architetto, nasce nel 1905 e si forma al Politecnico di Torino dove si laurea nel 1931. Sciatore, automobilista, pilota di aerei, Mollino si trova ben presto inserito nel vivace ambiente culturale della Torino tra le due guerre, dove stringe amicizia con personalità della cultura e dell’arte. Nei propri progetti, accanto ad una rigorosa preparazione tecnica, particolarmente attenta all’aspetto funzionale, sarà sempre presente un dialogo serrato tra elementi di modernità ed una forte sensibilità rivolta all’antico. Tra il 1933 e il 1973, anno della sua improvvisa scomparsa, realizza in tutto solo una decina di opere architettoniche. Tra i suoi capolavori vanno segnalati la Società Ippica Torinese (1937 – 1940) dove il razionalismo esalta ed amplifica elementi metafisici; l’edificio per la Slittovia del Lago Nero (1946 – 1947) in cui la tradizionale tipologia di costruzione alpina si trova rielaborata in forme inedite e il nuovo Teatro Regio di Torino (1965 – 1973) il cui interno lo stesso Mollino definì come ispirato ad “una forma intermedia tra l’uovo e l’ostrica semiaperta”.

Altrettanto importante la sua opera di progettista di interni. Con gusto surrealista concepisce la Casa Miller (1936) e la Casa Devalle (1939 – 1940). Nel 1949 inizia l’insegnamento alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino mentre l’anno successivo è invitato a partecipare ad una mostra itinerante in undici musei americani. Mollino non progetterà mai per la grande industria. La maggior parte dei suoi mobili sono eseguiti come pezzi unici. Gli anni più prolifici della sua carriera professionale si interrompono bruscamente nel dicembre 1953, con la morte del padre Eugenio. L’attività di architetto si sospende a vantaggio delle passioni per l’automobilismo e dell’acrobazia aerea. Nel 1954 progetta la Nube d’argento, un veicolo espositivo per l’azienda nazionale del gas, e l’anno successivo crea, tra le altre, una vettura da competizione, il Bisiluro, che parteciperà quello stesso anno alla 24 Ore di Le Mans. Dà forma in seguito a due auto da record rimaste allo stato di modello. Nel 1960 Mollino riprende il lavoro di architetto e inizia la sistemazione dell’alloggio in via Napione a Torino, oggi Museo Casa Mollino. Di Carlo Mollino scrittore rimangono numerosi saggi e libri che spaziano dalla narrativa all’architettura, dalla tecnica sciistica alla critica fotografica, tra cui ricordiamo Il Messaggio dalla Camera Oscura, scritto nel 1943 e pubblicato nel 1949.



GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino

La mostra alla GAM offrirà un’ampia visione della ricca esperienza molliniana chiarendone lo spirito, la poetica, le tematiche e le qualità del lavoro dell’architetto, attraverso l’esposizione dei rari mobili autentici, originali unici, tra cui il tavolo per Casa Orengo, un tavolo “a vertebre” conservato presso il Brooklyn Museum di New York e concesso in prestito per la prima volta dal 1950, e una stupefacente scrivania, proveniente dal Centre Pompidou di Parigi.

La mostra presenterà opere provenienti da collezioni private americane ed europee, tra cui la più completa esistente, quella del gallerista svizzero Bruno Bischofberger.

La Facoltà di Architettura dell’Università di Miami ha realizzato, con un apposito corso, alcuni modelli di edifici ed interni che verranno esposti con una selezione dei celebri disegni dell’architetto, a volte eseguiti con entrambe le mani. Tra le opere di maggior curiosità in mostra alla GAM: un’auto da record, lunga 5,5 metri, costruita in scala reale dal Gruppo Stola di Cascine Vica, l’automobile Bisiluro, proveniente dal Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, e la ricostruzione di una camera da letto degli anni ‘30 con pareti di seta capitonné.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram